(Frontiers Music)Operation: Mindcrime - The New Reality

Copertina Masochismo? Inconfessabile speranza di una rinascita? Rigore “professionale”? Non so nemmeno io cosa mi abbia spinto nuovamente a voler analizzare per la webzine più gloriosa della Rete il nuovo lavoro degli Operation: Mindcrime, l’epilogo di una trilogia che a quanto pare metterà anche la parola “fine” sull’intero progetto.
Della mia inusitata ammirazione per Geoff Tate e per i Queensryche (quelli veri eh …) vi ho riferito su queste stesse colonne in più di un’occasione, comprese le dolorosissime recensioni di “The key” e “Resurrection”, i primi due parti discografici di un collettivo di musicisti (perché di questo si tratta …) al servizio di un cantante ancora straordinariamente carismatico, intenso, ambizioso, implacabilmente fedele alla sua visione musicale, ma purtroppo anche in pieno stallo creativo.
Tutte valutazioni che sfortunatamente sono applicabili anche a “The new reality”, l’ennesima dimostrazione di un tumulto ispirativo che non trova sbocchi veramente consistenti, di una confusione stilistica a tratti anche abbastanza affascinante e tuttavia complessivamente priva di un filo logico e soprattutto di una forza espressiva veramente magnetica ed emozionante.
Un miscuglio sconclusionato di prog, rock, elettronica e metal, in cui le effigi di Queensryche, Genesis, David Bowie e Pink Floyd scorrono in maniera incoerente e raffazzonata, costituendo un cut-up che vorrebbe essere sofisticato, metafisico e innovativo e finisce solo per apparire artificioso e futile.
Come già accaduto nei dischi precedenti, nel buio desolante del programma, si scorge anche qualche piccola scintilla … le pulsazioni dell’openerA head long jump”, il discreto impatto di “Wake me up”, gli effetti stranianti di “It was always you”, le derive metalliche di “Under control” e ancora il crooning Bowie-iano di “The new reality”, ma si tratta francamente di poca cosa nell’economia di un album ancora una volta di una mediocrità imbarazzante per un uomo che ha contribuito a elargire alla storia del rock almeno un paio di autentici capolavori.
Chissà che ora, libero da un concept e da un monicker così impegnativi e ossessivi, Geoff trovi la “leggerezza” mentale necessaria per mettere finalmente a fuoco il suo fermento interiore e intraprendere quella ripresa artistica che tutti i suoi estimatori attendono da (troppo) tempo.
Del resto si dice che dopo aver toccato il fondo, si può solo risalire (i più cinici affermano che in realtà si può anche “scavare” …), e noi saremo qui ad attendere gli sviluppi, con tanta disillusione e un pizzico d’incrollabile fiducia.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Avatar Inserito il 07 dicembre 2017 alle 00:01

a tate gli è partita la brocca mannaggia

Avatar Inserito il 05 dicembre 2017 alle 18:17

recensione che condivido totalmente...certo, non ci si poteva aspettare nulla di più dalla terza parte (tutta la trilogia l'ha registrata nello stesso periodo e quindi con la stessa confusione mentale)... ..."rip" geoff...

Leggi la discussione completa

Genere: Progressive Metal
Anno di uscita: 2017
Durata: 60 min.
Tracklist:

  1. A HEAD LONG JUMP
  2. WAKE ME UP
  3. IT WAS ALWAYS YOU
  4. THE FEAR
  5. UNDER CONTROL
  6. THE NEW REALITY
  7. MY EYES
  8. A GUITAR IN CHURCH?
  9. ALL FOR WHAT?
  10. THE WAVE
  11. TIDAL CHANGE
  12. THE SAME OLD STORY

Line up:

  • Geoff Tate: vocals
  • Kelly Gray: guitars
  • John Moyer: bass
  • Simon Wright: drums
  • Scott Mercado: drums
  • Scott Moughton: guitars
  • Brian Tichy: drums
  • Mike Ferguson: guitars

Voto medio utenti: Nessun voto

5
Recensione a cura di
Marco Aimasso
In vendita su EMP
Copertina
Copertina
94.99 € / Scarpe sportive (nero/grigio, Esterno: 60% pelle scamosciata, 35% nubuck, 5% pelle, suola in gomma)
Copertina
Copertina
4.99 € / MAXI-CD (2 tracce)
Dello stesso genere
Copertina Seventh Wonder
The Great Escape
(Lion Music / 2010)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Angels Grace
New Era Rising
(Underground Symphony / 2004)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Rossometile
Terrenica
(My Kingdom Music / 2009)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Enbound
And She Says Gold
(Inner Wound Recordings / 2011)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading