(Frontiers Music)Eisley / Goldy - Blood, Guts and Games

Copertina Mi ricordo perfettamente, nonostante la memoria sia ormai un po’ ottenebrata da svariati anni di ascolti intensivi, il momento in cui “Do me right” sconvolse la mia esistenza di musicofilo.
Di chi era quella voce prorompente e virile che duellava con le sfarzose tastiere di Gregg Giuffria, uno dei miei miti assoluti fin dai tempi degli Angel?
E chi si occupava di quel fraseggio chitarristico così misurato e preciso, che sfociava in un solo di grande sensibilità?
La risposta è banale, almeno per lettori gloriosi e preparati come i nostri … si trattava rispettivamente di David Glen Eisley e Craig Goldy, aggiunti da quell’istante preciso all’elenco dei miei (tanti) eroi personali.
Impossibile, quindi, non rivangare il passato quando ci si trova di fronte ad un disco come “Blood, guts and games” in cui i due riprendono a collaborare dopo un lungo periodo di separazione.
In particolare la curiosità (e l’ansia …) riguardava la prova di Eisley, da anni lontano dalle scene musicali (le apparizioni “importanti” più recenti sono state "Sweet victory", scritta con Bob Kulick per … ehmSpongebob e un’ospitata sull’ultimo album solista dell’ex Balance, Kiss e W.A.S.P.), distratto dalla sua carriera di attore.
Ebbene, togliamoci il pensiero e diciamo subito che l’ugola di David è in egregie condizioni di forma, graffia e ammalia in maniera efficiente, con un pizzico di minore pathos timbrico rispetto “ai tempi belli”, forse, pur rimanendo tuttavia complessivamente all’altezza della sua brillante parabola artistica (e qui mi piace ricordare anche i fenomenali Dirty White Boy, in società con Earl Slick).
Craig, arrivati alla seconda parte della fruttuosa partnership, si conferma un musicista al tempo stesso puntuale e concreto, sempre presente e mai fastidiosamente strabordante.
Il debutto di Eisley / Goldy (sigla a cui contribuisce anche Ron Wikso, noto per la militanza in The Storm, Foreigner, David Lee Roth, …) è dunque un lavoro di buon valore, alimentato da un songwriting equamente suddiviso tra seta e acciaio (oibò … “casualmente” è anche il titolo del secondo favoloso full-length dei Giuffria, con Goldy sostituito da Lanny Cordola ...), capace di alternare zampate e carezze (proprio come ci si aspetta da interpreti con un pedigree tanto impegnativo …), con il difetto principale di scadere talvolta in un’eccessiva diluizione dei temi.
Le scosse heavy avvolte nel broccato di “The heart Is a lonely hunter” aprono le ostilità con una ricca dose d’intensità espressiva, l’hard-blues cromato “I don’t belong here anymore” continua a scaldare gli animi e prepara l’ascoltatore a due ottimi frammenti sonici come “Lies I can live with”, uno slow notturno di notevole suggestione, e “No more prayers In the night”, un pulsante numero di hard-rock dai risvolti quasi "mistici", che con una maggiore stringatezza nella partitura avrebbe potuto fare sfracelli.
Si prosegue con le potenti scansioni di “Love of the game”, “Wings of a hurricane” produce fiotti adrenalinici di marca Rainbow-iana e “Life, if only a memory” aggiunge malinconia e sentimento al canovaccio espressivo.
Il finale del programma si attesta tra luci e ombre … le torride e intriganti “Soul of madness” e “Track thirteen”, tra Lion, Whitesnake e Deep Purple, si oppongono alla deludente “Believe in one another”, una ballata confusa che si trascina stancamente per gli oltre sette minuti della sua durata.
Un progetto da promuovere, quindi, che potrà anche “crescere” qualora la benevolenza del mercato discografico gliene dia la possibilità … è inutile nasconderlo, però, anche se bisognerebbe evitare certi paragoni per molte ragioni poco proponibili, sull’intera operazione cala inesorabilmente l’ombra di una “storia” davvero troppo esaltante per essere trascurata e che pesa come un macigno sulla valutazione di un albo piuttosto lontano da quei fasti.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Hard / Rock / AOR / Glam
Anno di uscita: 2017
Durata: 63 min.
Tracklist:

  1. THE HEART IS A LONELY HUNTER
  2. I DON’T BELONG HERE ANYMORE
  3. LIES I CAN LIVE WITH
  4. NO MORE PRAYERS IN THE NIGHT
  5. LOVE OF THE GAME
  6. WINGS OF A HURRICANE
  7. LIFE, “IF ONLY A MEMORY”
  8. SOUL OF MADNESS
  9. TRACK THIRTEEN
  10. BELIEVE IN ONE ANOTHER

Line up:

  • Craig Goldy: guitars, keyboards, bass
  • David Glen Eisley: vocals, additional guitars, keyboards, piano, bass, hammond
  • Ron Wikso: drums

Voto medio utenti: Nessun voto

7
Recensione a cura di
Marco Aimasso
In vendita su EMP
Copertina
29.99 € / Brochure (Versione Inglese)
Copertina
17.99 € / T-Shirt (nero, 100% cotone)
Copertina
Copertina
21.99 € / Copertina rigida (Copertina Rigida)
Dello stesso genere
Copertina Racer X
Snowball of doom - Live At The Whisky
(Mascot / 2002)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Dokken
Breaking the Chains
(Elektra / 1983)
Voto medio degli utenti: 4,0
3 opinioni
Copertina Last Mistake
Living Again
(UK Division / 2010)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Molly Hatchet
Take No Prisoners
(1981)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading