(Livewire/Cargo Records UK)Warrior Soul - Back On The Lash

Copertina Parlare dei Warrior Soul significa per forza di cose parlare del loro cantante, Kory Clarke, un personaggio quasi unico non solo nella scena punk rock statunitense, ma anche in quella internazionale. Istrionico, carismatico irriverente, aggressivo, intelligente, creativo (oltre che musicista è anche pittore), esplosivo e trasgressivo, da sempre Clarke porta avanti la propria band e i propri messaggi con una coerenza invidiabile e senza compromessi, un atteggiamento che mantiene anche in ogni sua esibizione live. Il nuovo lavoro in studio porta avanti un percorso iniziato circa trent’anni fa, mai concluso e senza interruzioni; in poco più di mezz’ora di durata, i Warrior Soul riescono a riunire un concentrato di pezzi composti da riff aggressivi nella loro semplicità, sostenuti da una produzione ruvida ed essenziale, appropriata per il genere.
Su tutto domina la voce di Clarke, che fin dalle prime note di “American Idol”, un’introduzione per voce recitante e chitarra, dimostra di essere ancora una volta il motore trainante, la forza principale della band. I messaggi a forte connotazione politica, un altro aspetto che caratterizza da sempre i Warrior Soul, schierati, ancora una volta senza compromessi, contro fascismi, dittature e compagnia cantante, continuano anche qui, tra le risate sommesse che fanno da sottofondo a “Goin’ Broke Gettin’ High” e le storie da lotta per la sopravvivenza di “I’ve Got The Rock”, un brano che, probabilmente, avrebbe fatto la gioia di Lemmy per il suo stile alla Motorhead. I brani di “Back On The Lash” sono diretti come schiaffi, riportano l’attenzione su temi sociali e ci ricordano che la musica può, e anzi deve, portare anche messaggi “impegnati”. Se poi lo fa tramite un personaggio più unico che raro, abituato a suonare ovunque nel vero senso della parola (alcuni anni fa, nel corso di uno dei loro tour, i Warrior Soul si esibirono in Italia in quella che si potrebbe definire solo come una sala prove, per giunta piccola), l’obiettivo sarà centrato in pieno ancora una volta. L’album si chiude con un messaggio poco fiducioso nel futuro, con la frase “You can’t save rock ‘n roll” alla fine di “That’s How We Roll”. Kory Clarke forse ha ragione, ma fino a quando lui e i Warrior Soul continueranno a sputarci addosso i loro messaggi forti e i loro ritornelli esplosivi, allora continuerà ad esserci qualche speranza di sopravvivenza.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Avatar Inserito il 02 dicembre 2017 alle 11:51

Brava Anna che mi hai fatto leggere una recensione punk :D

Avatar Inserito il 02 dicembre 2017 alle 02:21

benvenuta ad anna e bentornati warrior soul

Leggi la discussione completa

Genere: Hard / Rock / AOR / Glam
Anno di uscita: 2017
Durata: 34 min.
Tracklist:

  1. AMERICAN IDOL
  2. I GET FUCKED UP
  3. BACK ON THE LASH
  4. FURTHER DECAY
  5. THRILL SEEKER
  6. GOIN’ BROKE GETTIN’ HIGH
  7. BLACK OUT
  8. I’VE GOT THE ROCK
  9. THAT’S HOW WE ROLL

Line up:

  • Kory Clarke: vocals
  • Stevie Pearce: guitar
  • Christian Kimmett: bass

Voto medio utenti: Nessun voto

7
Recensione a cura di
annaminguzzi
In vendita su EMP
Copertina
12.99 € / CD (Ristampa)
Copertina
12.99 € / CD (Ristampa)
Copertina
Copertina
12.99 € / CD
Dello stesso genere
Copertina Dirty Rig
Rock Did It
(Escapi / 2006)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Guns N' Roses Past
Use Your Illusion II
(Geffen Records / 1991)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina J.C. Cinel
Before My Eyes
(Black Widow Records / 2007)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Razorback
Criminal Justice
(Massacre / 2005)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading