(Napalm Records)Amberian Dawn - Darkness Of Eternity

Copertina Se il precedente "Innuendo" poteva essere sembrato "l'eccezione che conferma la regola" - ovvero un disco riuscito un po' "per caso" dopo una miriade di release poco convincenti - il nuovo "Darkness Of Eternity" è qui pronto a dimostrare il contrario, e a confermare che gli Amberian Dawn hanno veramente trovato una propria collocazione nell'affollato panorama symphonic metal europeo.

I nomi di riferimento sono un po' sempre quelli, inutile negarlo (tra gli altri ho appuntato Dark Moor, Royal Hunt, Yngwie J. Malmsteen, Sonata Arctica), ma i finlandesi riescono a plasmare la materia sonora con personalità e introducono alcuni elementi di primo impatto "shockanti" - su tutti i pesanti riferimenti agli ABBA nelle linee vocali - ma in fin dei conti non così fuori luogo.

L'introduttiva "I'm The One" sembra presa da "The Gates Of Oblivion", prima dell'inaspettata - ma piacevole - "Sky Is Falling" (prima ho parlato di ABBA non a caso). "Dragonflies" ha tanto del metal neo-classico, con Tuomas Seppälä impegnato a fare il novello Jens Johansson (che questa volta non è citato tra i guest), mentre "Maybe" rievoca nuovamente il quartetto pop svedese con il suo incedere disco-music - e meno male che lo ha ammesso la stessa Päivi "Capri" Virkkunen. Il trittico "Golden Coins"/"Luna My Darling"/"Abyss" è più canonico, con le sue melodie intricate ma orecchiabili, mentre "Ghostwoman" è un particolare mid-tempo dalle tinte esotiche. "Breathe Again" non sfigurerebbe in un musical Disney - anche se perde qualcosa con l'ingresso della batteria e delle chitarre - e sfocia nella conclusiva titletrack, seconda parte di una sinfonia iniziata con "Innuendo" e ascrivibile all'immaginario sonoro di score del calibro di "Edward Mani Di Forbice" e simili.

"Darkness Of Eternity" è un disco valido. Forse farà storcere il naso a qualche purista ma pazienza. Avanti così.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Power Metal
Anno di uscita: 2017
Durata: 46 min.
Tracklist:

  1. I'M THE ONE
  2. SKY IS FALLING
  3. DRAGONFLIES
  4. MAYBE
  5. GOLDEN COINS
  6. LUNA MY DARLING
  7. ABYSS
  8. GHOSTWOMAN
  9. BREATHE AGAIN
  10. SYMPHONY NR. 1, PART 2 - DARKNESS OF ETERNITY

Line up:

  • Tuomas Seppälä: keyboards, guitar
  • Päivi "Capri" Virkkunen: vocals
  • Emil Pohjalainen: guitar
  • Jukka Hoffren: bass
  • Joonas Pykälä-aho: drums

Voto medio utenti: Nessun voto

7,5
Recensione a cura di
Gabriele Marangoni
In vendita su EMP
Copertina
14.99 € / CD
Copertina
14.99 € / CD
Copertina
5.99 € / CD (Ed. Limitata)
Copertina
13.99 € / CD
Dello stesso genere
Copertina Gamma Ray
Land Of The Free II
(SPV / 2007)
Voto medio degli utenti: 3,5
10 opinioni
Copertina Seven Thorns
Glow of Dawn
(2007)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Phantom X
Storm Riders
(Mausoleum Records / 2006)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Sinheresy
The Spiders And The Butterfly
(Revalve Records / 2011)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading