(Century Media)Dead Lord - In Ignorance We Trust

Copertina L'esordio dei Dead Lord mi aveva fatto letteralmente sobbalzare dalla sedia, per il suo mix di devozione e faccia tosta. Lo quartetto svedese aveva, infatti, fatto centro, ma già il secondo "Heads Held High" (che nel 2015 sanciva il passaggio alla Century Media) sembrava perdere un po' di smalto e di quella insolenza messa in mostra nell'esordio.

L'inizio non è niente male, grazie a "Ignorance" e a "Too Late" che suonano ancora fumose e con quel feeling vintage che aveva esaltato i pezzi dell'esordio, ma l'effetto non dura molto, la mancanza di tensione emotiva e di grinta inizia a farsi strada tra le note del quartetto svedese. Non che "Reruns" sia un concentrato di melodia: anche qui è un rock retrò che omaggia Thin Lizzy (ma pure Blue Oyster Cult o i primi Black Sabbath) e più in generale tutto l'Hard Rock dei seventies, ma a tenere banco resta comunque l'impressione che i Dead Lord suonino con il freno a mano tirato e in maniera non altrettanto spontanea rispetto al recente passato. Il lento (d'ordinanza) arriva nel momento meno opportuno, proprio quando stavo iniziando a entrare in sintonia con "In Ignorance We Trust": ecco che l'insipida e piatta "Leave Me Behind" mi mette sulla difensiva. Parziale riscatto con "The Glitch" con un bel riff settantiano e la voce graffiante di Hakim Krim in gran spolvero, peccato che la melodia che dovrebbe caratterizzare il brano non sia proprio tra le più riuscite.
Nella seconda metà dell'album si ritorna su binari più interessanti e i Dead Lord snocciolano uno dietro l'altro una manciata di pezzi maggiormente convincenti, "Kill Them All" (non avrebbe sfigurato sul disco d'esordio), "Never Die" e "Part of Me" (altri due brani che puntano sulla melodia e l'intensità rispetto alla velocità), ma fortunatamente meno melense della già citata e deludente "Leave Me Behind", tocca quindi al bel guitarwork che impreziosisce la cavalcante e potente "They!" e infine a "Darker Times", energica e ammiccante proprio come ci si dovrebbe aspettare ai Dead Lord.

Tante aspettative per "In Ignorance We Trust", forse pure troppe, ma non tutte trovano soddisfazione.





Metal.it
What else?

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Hard / Rock / AOR / Glam
Anno di uscita: 2017
Durata: 41 min.
Tracklist:

  1. IGNORANCE
  2. TOO LATE
  3. RERUNS
  4. LEAVE ME BEHIND
  5. THE GLITCH
  6. KILL THEM ALL
  7. NEVER DIE
  8. PART OF ME
  9. THEY!
  10. DARKER TIMES

Line up:

  • Hakim Krim: vocals, guitars
  • Adam Lindmark: drums)
  • Olle Hedenström: guitars
  • Martin Nordin: bass

Voto medio utenti: Nessun voto

7
Recensione a cura di
Sergio 'Ermo' Rapetti
In vendita su EMP
Copertina
10.99 € / EP-CD
Copertina
13.99 € / CD
Copertina
19.99 € / Maglia donna (nero, 100% cotone, con stampa)
Copertina
7.99 € / Set di bicchieri (Set di 3, 0,35 l)
Dello stesso genere
Copertina Novak
Forever Endeavour
(MTM / 2005)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Slippery Slope
Atomic Instinct
(2010)
Voto: 5,0
1 opinione
Copertina Black 'N Blue
The Demos Remastered Anthology 1
(Zoom Club Records / 2001)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Halfway to Gone
Second Season
(Small Stone / 2002)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading