(Frontiers Music)Wayward Sons - Ghosts of Yet to Come

Copertina Qualcuno si ricorda dei Little Angels? Spero vivamente di sì, dacché stiamo parlando di un gruppo eccellente, spesso superficialmente liquidato come clone dei Bon Jovi (se non addirittura tacciato di essere “raccomandato” …) e invece autore di lavori di notevole valore, capaci di assicurare sprazzi di vitalità all’hard britannico degli anni novanta.
Ebbene, Toby Jepson era il cantante di quella band, e ritrovarlo, dopo una carriera recente spesa soprattutto “dietro le quinte” (nelle vesti di produttore per Toseland, Saxon, Fastway, The Answer, ...), saldamente al timone di una nuova creatura artistica non può che fare piacere e sollecitare l’interesse di ogni rockofilo senziente.
Allo scopo di soddisfare tali curiosità diciamo subito che i Wayward Sons suonano un hard-rock a “ampio spettro”, attento ai “classici” ma anche alle loro evoluzioni più attuali, evitando all’ascoltatore esclusivi e talvolta un po’ stucchevoli viaggi a ritroso nel tempo.
Il songwriting appare, così, sufficientemente vario e d’istantaneo impatto emotivo, e se aggiungiamo la voce stentorea di Jepson e le impeccabili qualità tecnico/interpretative dei suoi abili partners in crime, diventa inevitabile accogliere “Ghosts of yet to come” tra gli album più “contagiosi” di quest’ultimo scorcio del 2017, pieno com’è di canzoni avvincenti e coinvolgenti, pregne di una “freschezza” non così agevole da reperire, nemmeno nella traboccante offerta della “scena” contemporanea.
Brani ficcanti, diretti, energici, dove i riferimenti più o meno palesi (Led Zeppelin, Beatles, Foo Fighters, Thin Lizzy, …) costituiscono un’eredità importante e tuttavia mai invasiva e s’inseriscono in un contesto in cui il gusto innato per il “facile ascolto” non rischia mai di apparire manieristico e prevedibile.
Le irrefrenabili scosse Purple-esche di “Alive” si schiudono nella maggiore ricercatezza sonora della brillante “Until the end”, mentre con “Ghost” e “Be still” l’arte immarcescibile di Phil Lynott ritorna a essere una “materia” adattissima anche per le heavy rotation delle radio rock più trendy.
Don’t wanna go” mescola AC/DC e Danko Jones, “Give it away” sfida Dave Grohl & C. sul loro terreno preferito e il poderoso hard-bluesKilling time” piacerà sicuramente agli estimatori dei Black Country Communion.
Il mood melodico, molto yankee, di “Crush” rimanda la memoria a certe atmosfere care a Springsteen e Mellencamp, “Small talk” ostenta una linea armonica assolutamente irresistibile e con l’avvolgente e notturna “Something wrong” si conclude un programma privo di controindicazioni, estremamente consigliato a tutti quelli che nel rock n’ roll cercano sostanza e spensieratezza e sanno bene quanto sia arduo ottenerle senza incorrere in “qualunquismi” creativi o sterili anacronismi.
Simpatica e molto appropriata, infine, la cover dell’opera …

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Hard / Rock / AOR / Glam
Anno di uscita: 2017
Durata: 38 min.
Tracklist:

  1. ALIVE
  2. UNTIL THE END
  3. GHOST
  4. DON’T WANNA GO
  5. GIVE IT AWAY
  6. KILLING TIME
  7. CRUSH
  8. BE STILL
  9. SMALL TALK
  10. SOMETHING WRONG

Line up:

  • Toby Jepson: vocals, rhythm guitar
  • Sam Wood: guitar
  • Nic Wastell: bass
  • Phil Martini: drums
  • Dave Kemp: keyboards

Voto medio utenti: Nessun voto

8
Recensione a cura di
Marco Aimasso
In vendita su EMP
Dello stesso genere
Copertina Black 'N Blue
The Demos Remastered Anthology 1
(Zoom Club Records / 2001)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Ship of Fools
Let's Get This Mother Outta Here
(Peaceville / 2002)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Dressy Bessy
Electrified
(Transdreamer / 2005)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Allen Russell
Atomic Soul
(Inside Out / 2005)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading