(Avantgarde Music)Botanist - Collective: The Shape of He to Come

Copertina Nel variopinto mondo della musica estrema il progetto Botanist è sicuramente uno dei più particolari e "strani".
Da un lato il concept che gira intorno ad una sorta di divinizzazione della natura con tanto di testi dedicati a piante e fiori, dall'altro una proposta che mescola in modo particolare rozzo black metal, shoegaze e stracci di folk senza l'ausilio delle chitarre che vengono sostituite dal salterio a percussione, antico strumento medievale, che fornisce al suono una personalità, e dunque una riconoscibilità, assolutamente fuori dalla norma.
Con queste premesse è evidente che anche il nuovo "Collective: The Shape of He to Come", quinto lavoro di lunga durata per Botanist e primo rilasciato da Avantgarde Music, sia un album sui generis, difficilmente paragonabile ad altro.
Un album, tra le altre cose, che segna un passo importante nella carriera dei nostri: Otrebor, il deus ex machina di Botanist, ci spiega, infatti, che per la prima volta il risultato finale è frutto della collaborazione tra diversi musicisti tanto che, da adesso in poi, si potrà parlare di gruppo e non più di one man band come successo finora con l'ovvia conseguenza che lo spettro espressivo dei Botanist si apre ad altre personalità ed altre sfaccettature.
Partendo dal concept, questa volta più filosofico che in passato, "Collective: The Shape of He to Come" è un lavoro in un certo modo sognante, caratterizzato da momenti di dolce melodia che vengono alternati a partiture dissonanti, a volte a limite della cacofonia, nelle quali le percussioni del salterio e le ottime linee di basso descrivono melodie schizzate e sinistre che ben accompagnano le urla che prorompono dal microfono in un contesto di certo estraniante e originale che non possiamo che definire, come fa Otrebor, green metal, con tutto l'approccio ecologico che c'è dietro al termine.
Sicuramente l'ascolto della proposta di Botanist non è materia semplice.
Le chitarre non ci sono ma quasi non si capisce.
I ritmi cambiano frequentemente senza nessuna, apparente, logicità.
Improvvisi momenti folk, quasi al limite del dream pop con tanto di bellissima voce femminile, fanno capolino in mezzo alla violenza del metallo nero.
L'infrastruttura delle percussioni domina in lungo ed in largo in maniera quasi ossessiva.
Insomma, tutto è concepito per essere "diversi" e per rendere il proprio messaggio il più forte possibile.
La cosa bella è che il tutto porta ad un risultato più che apprezzabile, in questo disco come dei precedenti, tanto che il gruppo di San Francisco è di certo una delle cose più interessanti uscite dall'America negli ultimi anni e bene ha fatto la nostra Avantgarde ad assicurarsene le prestazioni... e bene farei io a consigliarvi di dare un ascolto, attento, a questo album in modo da scoprire, se non altro, qualcosa di peculiare che, probabilmente, non avete mai ascoltato prima.
Poi non so se vi piacerà.
Però provateci.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Avantgarde
Anno di uscita: 2017
Durata: 40 min.
Tracklist:

  1. PRAISE AZALEA, THE ADVERSARY
  2. THE SHAPE OF HE TO COME
  3. THE RECONCILIATION OF NATURE AND MAN
  4. AND THE EARTH THROWS OFF ITS OPRESSORS
  5. UPON VELTHEIM'S THRONE SHALL I WAIT
  6. TO JOIN THE CONTINUUM

Line up:

  • Otrebor: vocals, drums, keyboards
  • D. Neal: hammered dulcimer
  • R. Chiang: hammered dulcimer
  • Balan: bass
  • A. Lindo: vocals, harmonium
  • Bezaelith: female vocals

Voto medio utenti: Nessun voto

7
Recensione a cura di
Beppe 'dopecity' Caldarone
In vendita su EMP
Copertina
59.99 € / Cuffie (argento, con stampa, mit Mikrofon)
Copertina
Copertina
14.99 € / LP (Riedizione)
Copertina
17.99 € / CD (Edizione Deluxe)
Dello stesso genere
Copertina Psychofagist
9 Psalms Of Antimusic To Come (split CD with Antigama)
(Subordinate / 2012)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Quadrivium
Origo
(Self-released/independent / 2006)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Todesstoß
Hirngemeer
(I, Voidhanger Records / 2015)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Pryapisme
Hyperblast Supercollider
(Apathia Records / 2013)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading