(Avantgarde Music)Battle Dagorath - II - Frozen Light of Eternal Darkness

Copertina Ci sono persone che nascono per fare una determinata cosa.
Atleti, piloti, scienziati, ballerine, ragionieri, spesso le loro qualità sono innate e basta questa lieve inclinazione in età puerile a far sì che si sviluppi una passione ed un'abilità che vada oltre ogni singolo tentativo o sforzo di tutti gli altri a cui invece questa molla da sola non è mai scattata, ed ore ed ore di allenamento, di sacrifici e di applicazione non riusciranno mai a compensare.

I Battle Dagorath sono nati per suonare black metal.
Con una facilità impressionante ed una naturalezza figlia solamente di chi questo gelo se lo porta nell'animo, nonostante provenga dall'assolata California, ecco che prende forma la seconda parte di questo viaggio, "II - Frozen Light of Eternal Darkness", un autentico percorso nell'oscurità, tra gelide atmosfere maligne, percorso che si è un po' staccato dalle tematiche perpetrate dai Battle Dagorath ad inizio carriera, quando il freddo ed il buio che glorificavano nei propri brani era di origine naturale, creato dalle nevi delle vette più alte ed inospitali del nostro pianeta.

Tutto questo ha cambiato forma ed originel nel primo capitolo di tale cammino, "Dark Dragons of the Cosmos" (della durata che sfiora i 20 minuti), dove chiaramente si affrontano dimensioni spaziali anzichè silvestri od alpine (abbandonate sin dalle rispettive copertine) che pure ritornano talvolta come in "Cast Their Ashes to the North Wind", lasciando più campo d'azione a sonorità simili ai compagni di etichetta Darkspace o ai loro cugini quasi mai in attività Paysage d'Hiver.

Brani lunghi, ipnotici, ripetitivi fino all'ossessione ma al contempo così eterei e leggiadri che paiono scorrere via in un battito di ciglia, emananti fluidi negativi e mistici, risultato certo delle tastiere di quel genio totale di Vinterriket (al secolo Christian Ziegler) ma anche del muro chitarristico innalzato da Black Sorcerer Battle e dalle sua urla autoritarie e severe.

Come loro, autoritari e severi. Ed imprescindibili in tutto il movimento black metal.


Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Avatar Inserito il 10 novembre 2017 alle 07:20

Meraviglioso Non posso che confermare.

Avatar Inserito il 10 novembre 2017 alle 05:41

Meraviglioso

Leggi la discussione completa

Genere: Black Metal
Anno di uscita: 2017
Durata: 79 min.
Tracklist:

  1. THE GREAT UNTUNING
  2. DEATH OV AEONS
  3. ASTERES PLANETAI
  4. CAST THEIR ASHES TO THE NORTH WIND
  5. EVOKING THE MIRRORS
  6. FIRE BORN FROM THE SEER'S LIGHT
  7. SUPERNAL REALMS
  8. IGNIS FATUUS

Line up:

  • BSB: drums, guitars, bass, vocals
  • Vinterriket: keyboards

Voto medio utenti: Nessun voto

8
Recensione a cura di
Gianluca 'Graz' Grazioli
In vendita su EMP
Copertina
19.99 € / T-Shirt (bianco, 100% cotone)
Copertina
Copertina
11.99 € / Peluche (100% poliestere, con stampa, Dimensioni: 24 cm circa)
Copertina
24.99 € / Disco Blu-Ray
Dello stesso genere
Copertina Ride for Revenge
Thy Horrendous Yearning
(Hell's Headbangers / 2017)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Formicarius
Black Mass Ritual
(Schwarzdorn Production / 2017)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Anomalie
Visions
(Art of Propaganda / 2017)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Pensées Nocturnes
Grotesque
(Les Acteurs de l'Ombre Productions / 2010)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading