(Relapse Records)Incantation - Profane Nexus

Copertina La capacità di esser sempre attuali senza perdere il contatto con le proprie origini è una caratteristica che appartiene solamente alle grandissime band. Gli Incantation di John McEntee appartengono, a mio personale giudizio, a questo gruppo elitario, riconoscibilissimi sia quando affondano nel death-doom, sia quando scalciano con furia omicida.
Scorrere la discografia per chi è in cerca di conferme: partendo da “Onward to Golgotha” uscito nel 1992 per Relapse fino al più recente “Dyrges of Elysium” di tre anni fa comprendendo anche il materiale edito come singoli ed EP, è impossibile rimanere delusi o insoddisfatti.
“Profane nexus” è il loro undicesimo lavoro in studio, l’ennesima pietra preziosa di una carriera votata al sentiero della mano sinistra del death metal, ed è uno di quei lavori che trasmettono oscurità e angoscia fin dai primi passaggi.
Definire riuscito il matrimonio fra il riffing tormentato di John McEntee e l’opera dietro la consolle di quel vecchio marpione di Dan Swanö è riduttivo, ogni nota è riconoscibile, profonda e tagliente, ogni canzone possiede quell’aura maligna che si pretende in un album a nome Incantation, trasmettendo un semplice messaggio: non cercate speranza, luce o gioia. Non ne troverete.
Ed in questo viaggio nell’Abisso la band ci porta in preferibilmente in territori death-doom, senza sentire il bisogno di correre per 40 minuti, bensì rallentando con sapienza, soffocandoci secondo dopo secondo, puntando su sensazioni disturbanti (in questo senso valga l’ascolto di “Incorporeal despair”).
Punti di forza del lotto? A mio avviso l’opener “Muse”, la pesante “Visceral hexaherdon”, la varia e schizzoide “Lux sepulcri”, l’apocalittica “Omens to the altars of onyx” meritano un encomio particolare anche se, ripeto, è l’intero lavoro a funzionare nella sua interezza.
Come non poter cogliere la bellezza dell’oscurità?

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Avatar Carnivals'
Voto: 4,0Miglior disco death del 2017

Variegato ma compatto, ragionato ma brutale. Questo disco insegna che personalità e un ottimo songwriting contribuiscono a creare un death metal migliore rispetto alle docce di blastbeat a cui ci siamo abituati negli ultimi anni.

Aggiungi la tua opinione Leggi tutte le opinioni

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Death Metal
Anno di uscita: 2017
Durata: 43 min.
Tracklist:

  1. MUSE
  2. RITES OF THE LOCUST
  3. VISCERAL HEXAHEDRON
  4. THE HORNS OF GEFRIN
  5. INCORPOREAL DESPAIR
  6. XIPE TOTEC
  7. LUS SEPULCRI
  8. STORMGATE CONVULSIONS FROM THE THUNDEROUS SHORES OF INFERNAL REALMS BEYOND THE GRACE OF GOD
  9. MESSIAH NOSTRUM
  10. OMENS TO THE ALTAR OF ONYX
  11. ANCIENTS ARISE

Line up:

  • John McEntee: Guitars
  • Kyle Severn: Drums
  • Sonny Lombardozzi: Guitars
  • Chuck Sherwood: Bass

Voto medio utenti: Voto: 4,0

8
Recensione a cura di
Gianluca ‘Corpsegrinder’ Panzeri
In vendita su EMP
Copertina
Copertina
Copertina
Copertina
4.99 € / Occhiali (nero)
Dello stesso genere
Copertina Deadlock
Earth Revolt
(Lifeforce / 2005)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Master
The Spirit of the West
(System Shock / 2004)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Aeternam
Moongod
(Galy Records / 2012)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Adramelech
Terror Of Thousand Faces
(Xtreem Music / 2005)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading