(High Roller Records / Soulfood)Air Raid - Across the Line

Copertina "Gruppi sottovalutati e dove trovarli".
E' la prima cosa che ho pensato dopo aver fatto passare tre o quattro volte questo "Across the Line" (edito ancora da High Roller Records) nel lettore: vivevo ignorando tranquillamente l'esistenza di questi svedesi dal grande talento.
Preso quasi dai rimorsi mi sono informato apprendendo che la band è in giro infatti dal 2009, fondata per volontà del chitarrista Andreas Johansson, ma non ha mai avuto vita facile e tra un cambio di line-up e l'altro ha dato alla luce un EP e due lavori sulla lunga distanza.

L'album che ho per la mani è quindi il terzo full length, famigerato "punto di non ritorno" per molti gruppi, con il quale spesso si definisce lo status della band.
Senza molti timori di essere smentito posso dire che il disco è decisamente un lavoro sopra la media non tanto per chissà quali novità di sonorità o di stile, quanto proprio per attitudine e determinazione del quintetto scandinavo.

Il sound della band infatti è un heavy/power metal ben strutturato e solido, profondamente ispirato ad artisti del passato quali Malmsteen (periodo "Fire & Ice" e "The Seventh Sign"), Whitesnake, Iron Maiden, Riot fino ai sommi Warlord: persino il logo ed il look del gruppo hanno un vago sapore retrò (qualche elemento vintage della redazione direbbe "I vecchi tempi sono i bei tempi!").
Il combo finalmente ha una formazione stabile dopo le turbolenze degli esordi e con gli ultimi innesti di Magnus Mild alla sei corde e soprattutto del vocalist Fredrik Werner ha giocato al meglio tutte le proprie carte.

Sin dall'opener "Hold the Flame" con il suo riff portante davvero molto aggressivo ed i suoi cori da battaglia si intuisce cosa ci aspetta: un disco trascinante di ottimo heavy.
"Line of Danger" con i suoi passaggi molto eigthies ed il ritornello piacione prosegue sulla stessa linea e ci porta sino ad "Aiming for the sky", un brano catchy e facilone quanto si vuole ma al ritmo del quale è impossibile non battere il piede e muovere la testa.

"Cold as ice" viaggia sulla stessa lunghezza d'onda mentre la strumentale e tirata "Entering the zone zero" in meno di tre minuti ci permette di apprezzare tecnica ed affiatamento degli Air Raid, senza che nessuno dei musicisti ecceda in personalismi fini a se stessi.
"Hell and back" è una traccia che rende il giusto merito al nuovo cantante Fredrik Werner, che mette in mostra estensione, timbro e gusto interpretativo di buonissimo livello.

"Northern Light" si troverebbe perfettamente a suo agio tra "Forever is a long time" e "Wings of the Storm", tanta è l'energia e la carica che sprigiona mentre le conclusive "Raid or Die" ed il mid tempo finale "Black Dawn" lasciano un filo di amaro in bocca ed il senso di passaggio a vuoto, come se di colpo fossero venute a mancare le idee per chiudere degnamente il disco.

Meglio tardi che mai insomma, per ascoltare e soprattutto rendere i giusti meriti ad una delle tantissime band fuori dal cono di luce occupato dai soliti noti (con merito o meno...).
In bocca al lupo Air Raid.

Air Raid - "Hold the Flame"



Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Avatar Inserito il 14 ottobre 2017 alle 14:59

questi hanno qualcosa che il 90% delle produzioni di questo tipo non ha: i riff e la cazza. Per questo li ho messi nel carrello. Ormai è tutta una produzione bombastica, effetti senza sostanza,.. quì la ciccia c'è.

Avatar Inserito il 12 ottobre 2017 alle 17:36

Tanta tanta roba !!!

Leggi la discussione completa

Genere: Heavy Metal
Anno di uscita: 2017
Durata: 37 min.
Tracklist:

  1. HOLD THE FLAME
  2. LINE OF DANGER
  3. AIMING FOR THE SKY
  4. COLD AS ICE
  5. ENTERING THE ZONE ZERO
  6. HELL AND BACK
  7. NORTHERN LIGHT
  8. RAID OR DIE
  9. BLACK DAWN

Line up:

  • Fredrik Werner: vocals
  • Andreas Johansson: guitars
  • Magnus Mild: guitars
  • Robin Utbult: bass
  • David Hermansson: drums

Voto medio utenti: Nessun voto

7
Recensione a cura di
Alessandro Zaina
In vendita su EMP
Copertina
18.99 € / LP (Picture)
Copertina
19.99 € / 2-CD & DVD (Digipak, Edizione Limitata Deluxe)
Copertina
Copertina
19.99 € / T-Shirt (giallo, 100% cotone)
Dello stesso genere
Copertina Grenouer
Blood On The Face
(Mausoleum Records / 2013)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Skull Fist Demo
No False Metal
(2006)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Budgie
Crime Against the World
(Active Records / 1980)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Blaze (UK)
Tenth Dimension
(SPV / 2002)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading