(Jolly Roger Records / Goodfellas)Unreal Terror - The New Chapter

Copertina
“… ‘Cause I know I reached my ultimate stage. It’s the end of the last chapter …”
(“At the end of the last chapter”; “Hard Incursion” – 1986)

E invece no … l’ultimo capitolo della parabola artistica degli Unreal Terror non è ancora stato scritto, e questo “The new chapter” non ha davvero nulla a che fare con la manifestazione artistica di veterani in vena di languide “nostalgie”, e riporta sulla “scena” uno dei collettivi musicali più talentuosi e preparati del Belpaese, attrezzato oggi come ieri per camminare a testa alta nel metalrama internazionale.
Che cosa è accaduto negli anni ottanta, a loro e a parecchie altre formazioni molto meritevoli e poco fortunate, è un fatto “incomprensibile” su cui è ormai pressoché inutile dibattere, mentre c’è parecchio da dire sull’energia comunicativa e la tensione espressiva che il combo pescarese, forte di alcuni rinnovamenti di line-up (con i chitarristi Iader Nicolini, figlio del mitico Enio, e Arcanacodaxe, al secolo Paolo Ponzi, in formazione), riesce a infondere al suo album del “ritorno”, maturato dopo un periodo di rodaggio su palchi prestigiosi come quelli dell’Heavy Metal Night e dell’Acciaio Italiano.
Il nobile “marchio” del gruppo, edificato sulle traiettorie del metal “classico”, è intatto, ma la grinta e la verve con cui viene riproposto rappresenta “un’arma” infallibile per essere “compresi” e apprezzati anche dal pubblico meno legato alla sua “storia”, in un periodo in cui, tra l’altro, le sonorità della grande “tradizione” metallica continuano ad attrarre in maniera transgenerazionale.
Il resto lo fanno un brillante gusto compositivo e una capacità esecutiva di alto profilo, da cui si staglia la voce sempre appassionata e coinvolgente di Luciano Palermi, autore di una performance irreprensibile.
L’apertura, affidata all’enfasi malinconica di “Ordinary king”, predispone favorevolmente all’ascolto di un programma che con la melodia incalzante e le chitarre implacabili di “Time bomb”, l’avvincente spirito eroico di "All this time” e i sorprendenti suoni cingolati e “modernizzati” di “Fall” accentua ulteriormente gli effetti della suggestione emotiva.
The thread” ammalia con cadenze più meditate, “One more chance” esibisce un tagliente orientamento classy e con “Trickles of time” la band riprende a sfruttare le sue ben note capacità evocative, scontando qualcosa in fatto di efficacia a causa di una linea melodica non pienamente focalizzata.
La cangiante struttura armonica di “It's the shadow” aggiunge un’interessante prospettiva sonora alla raccolta, “Lost cause” è un’altra bella “mazzata” siderurgica e “Western skies” pone fine alle ostilità con una robusta sgroppata dal particolare epilogo in stile Morriconiano.
"The new chapter" ci restituisce un gruppo di cui personalmente sentivo parecchio la mancanza … integri, motivati e pronti a nuove “sfide”, gli Unreal Terror potranno soddisfare vecchi e nuovi fans e magari “crescere” ulteriormente in un percorso che, dopo una lunga pausa, sembra aver ripreso con rinnovato vigore il suo legittimo svolgimento. Bentornati.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Heavy Metal
Anno di uscita: 2017
Durata: 43 min.
Tracklist:

  1. ORDINARY KING
  2. TIME BOMB
  3. ALL THIS TIME
  4. FALL
  5. THE THREAD
  6. ONE MORE CHANCE
  7. TRICKLES OF TIME
  8. IT'S THE SHADOW
  9. LOST CAUSE
  10. WESTERN SKIES

Line up:

  • Luciano Palermi: vocals
  • Enio Nicolini: bass
  • Silvio "Spaccalegna" Canzano: drums
  • Iader D. Nicolini: guitar
  • Arcanacodaxe: guitar

Voto medio utenti: Nessun voto

8
Recensione a cura di
Marco Aimasso
In vendita su EMP
Copertina
34.99 € / Felpa con cappuccio (rosso, 80% cotone, 20% poliestere)
Copertina
9.99 € / CD (Ristampa)
Copertina
Copertina
14.99 € / LP
Dello stesso genere
Copertina Tygers of Pan Tang
The Wreck-Age
(Music For Nations / 1985)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Vanexa
Vanexa (Reissue)
(Spider Rock / 2014)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Striker
Eyes in the Night
(Iron Kodex / 2010)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Saratoga
Mi Ciudad
(Avispa Records / 1997)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading