(Non Serviam Records)Nazghor - Infernal Aphorism

Copertina Formatisi nel 2012, i Nazghor con "Infernal Aphorism" (Non Serviam Records) sono già al loro sesto album: solitamente, lo dico per esperienza, una tale logorroica produzione musicale corrisponde ad una qualità mediocre della produzione stessa.
Non è questo il caso degli svedesi.
Il loro black metal, al contrario, di qualità ne contiene. E anche tanta.
Per fare contenti i detrattori, diciamo subito che siamo al cospetto di un gruppo palesemente influenzato dai Dark Funeral e dalla scuola svedese in generale, ma, al netto della poca originalità, questo "Infernal Aphorism" è un lavoro micidiale.
Semplicemente devastante è il riffing delle chitarre che, come da miglior tradizione svedese, risulta essere, contemporaneamente, maligno e ricco di nera melodia (a volte mi sono venuti in mente i Naglfar di "Diabolical"... prendete la cosa come un grandissimo complimento).
Vomitata direttamente dall'inferno è la voce del singer Nekhrid così come direttamente dall'inferno vengono fuori le atmosfere, gli intrecci ritmici, gli arpeggi o le parti più violente, tutti elementi che sono esaltati da una produzione cristallina e da suoni nitidi che esaltano l'assalto sonoro di questa autentica macchina da guerra che sono i Nazghor.
E poi, soprattutto, i brani risultano essere uno migliore dell'altro, tutti dotati, come sono, di un songwriting decisamente sopra la media, di splendide intuizioni melodiche, epiche ed evocative, sinonimo di classe ed ispirazione e di una malignità che, man mano che si prosegue con l'ascolto, diventa sempre più vivida e palese fino a raggiungere il suo climax negli otto minuti della penultima, epicissima, "Absence of Light" e nei dieci minuti della title track (qui l'asticella dell'epicità di alza ulteriormente), pezzo che chiude un album praticamente "perfetto" e sicuramente tra i migliori in assoluto di quest'anno per quanto concerne il black metal.
I Nazghor non godono di grande fama, questo è sicuro, ma in un mondo come il nostro in cui tutto, o quasi, sembra andare a puttane, non c'è da meravigliarsi che anche la scena estrema sia "dominata", sempre più spesso, da pagliacci o gente bollita piuttosto che da Artisti come quelli in grado di scrivere questo magnifico album che, ovviamente, spero nessuno di voi si lasci sfuggire.
Per una volta posso ancora dirlo: la nera fiamma brucia ancora.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Black Metal
Anno di uscita: 2017
Durata: 58 min.
Tracklist:

  1. OPUS PROFANUS
  2. MALIGNANT POSSESSION
  3. DECRETION AT ESCHATON
  4. THE DARKNESS OF ETERNITY
  5. DEATHLESS SERPENT
  6. RITE OF REPUGNANT FURY
  7. EPHEMERAL HUNGER
  8. SPAWNS OF ALL EVIL
  9. ABSENCE OF LIGHT
  10. INFERNAL APHORISM

Line up:

  • Armageddor: guitars
  • Nekhrid: vocals
  • Angst: guitars
  • Crowlech: bass
  • Cosmarul: drums

Voto medio utenti: Nessun voto

7,5
Recensione a cura di
Beppe 'dopecity' Caldarone
In vendita su EMP
Copertina
4.99 € / MAXI-CD
Copertina
19.99 € / CD & DVD (Edizione Limitata Deluxe)
Copertina
21.99 € / LP
Copertina
9.99 € / 2-CD (Ed. Limitata)
Dello stesso genere
Copertina Wykked Wytch
The Ultimate Deception
(Goomba Music / 2012)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Sacrocurse
Unholier Master
(Hells Headbangers Records / 2014)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Rotting Christ
Lucifer over Athens (live album)
(Season of Mist / 2015)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Cryfemal
Raising Deads... Buring Alives
(War Productions / 2003)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading