(Minotauro Records)Burning Ground - Last Day Of Light

CopertinaLa musica dal labirinto” della prestigiosa Minotauro Records ci porta oggi a scoprire un’interessante formazione sarda dedita al più nobile power metal americano, in una fiammeggiante combustione di Metal Church, Savatage, Sanctuary, Drive e Crimson Glory.
Nati nel 2002 i Burning Ground scaraventano sull’astante tutta la presumibile frustrazione accumulata negli anni della “gavetta” e, con il furore dettato da una tangibile passione, sfornano un debutto assai godibile, pregno di heavy ossianico e muscolare, appena “sporcato” da ponderate iniezioni di deflagrante thrash metal.
Difficile, se amate il genere, rimanere impassibili di fronte a un lavoro come “Last day of light”, un’imponente e rigorosa serie di passaggi musicali densi di fascino evocativo e d’intensità, ottimamente rappresentati dall’atto inaugurale (dopo l’introDark ages”) “The killing hand”, un potente e oscuro esemplare sonico, oltremodo esplicativo delle notevoli capacità degli isolani.
La voce di Maurizio Meloni si destreggia con disinvoltura tra un dominante approccio rapace e diversioni maggiormente melodiche, ben supportato da chitarre affilate e sufficientemente fantasiose e da una solidissima sezione ritmica, e il martellamento dei sensi prosegue attraverso il riff implacabile e i toni gravi di “Darkened desire”, seguiti dalle poderose raffiche metalliche di “Facing the shame” e dall’efferata epicità di “Before I see”, un misto di dramma e livore di considerevole suggestione.
Un nobile influsso Sabbath-iano (Dio-era) alimenta la vena enfatica di “The burning ground”, mentre tocca alle cadenze plumbee e sinistre della title-track installare l’ultimo coriaceo tassello di questo intrigante muro di note, prima che il breve strumentale “Dawn of hope” lo avvolga con le sue spire ancestrali.
L’US metal ha così un altro esponente di cui essere orgoglioso e il fatto che provenga da una terra tanto lontana dal suo epicentro è solo l’ennesima dimostrazione di uno sconfinato e immarcescibile valore espressivo.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Heavy Metal
Anno di uscita: 2017
Durata: 40 min.
Tracklist:

  1. DARK AGES
  2. THE KILLING HAND
  3. DARKENED DESIRE
  4. FACING THE SHAME
  5. BEFORE I SEE
  6. THE BURNING GROUND
  7. LAST DAY OF LIGHT
  8. DAWN OF HOPE

Line up:

  • Maurizio Meloni: vocals
  • Alessio Melis: bass
  • Angelo Melis: drums
  • Andrea Alvito: guitars

Voto medio utenti: Nessun voto

7,5
Recensione a cura di
Marco Aimasso
In vendita su EMP
Copertina
Copertina
30.99 € / 2-CD (Digipak, Ed. Limitata)
Copertina
18.99 € / LP (Picture)
Copertina
15.99 € / T-Shirt (nero, 100% cotone)
Dello stesso genere
Copertina Lost Reflection Demo
Watch Out
(1997)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Liege Lord
Freedom's Rise
(Black Dragon Records / 1985)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Mad Max
Heavy Metal
(1982)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Mastercastle
Dangerous Diamonds
(Lion Music / 2011)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading