Rainbow Bridge - Dirty Sunday

Copertina Che cosa accadrebbe se le Desert Sessions invece che al Rancho da la Luna si svolgessero a Barletta, non lontano dalla frazione di Canne (sito archeologico ricordato per la storica battaglia vinta da Annibale …), la cui denominazione appare in qualche modo congeniale ai dogmi che, nell’immaginario collettivo, sono insiti al cosiddetto stoner-rock? Immagino qualcosa di molto simile a quanto sto per illustrarvi.
Ok, non ho resistito a introdurre questo lavoro dei pugliesi Rainbow Bridge attraverso questa maldestra e innocua facezia, ma spero mi perdoneranno lettori e diretti interessati, anche perché qui la faccenda è in realtà, piuttosto “seria”.
Il trio pugliese con “Dirty sunday”, frutto di un’unica jam esclusivamente strumentale (al New Born Records Studio di Barletta) risalente alla fine del 2016, dimostra di dominare attraverso un’innata attitudine la magmatica materia psych-blues e di possedere al tempo stesso quel “carattere” necessario a distinguerli dalla massa dei rockers contemporanei che per la loro esibizione si rivolgono con palese devozione ai suoni dei sixties/seventies.
Hendrix (il loro dichiarato nume tutelare … il progetto nasce proprio con lo scopo di proporre una libera interpretazione del sound del mitico mancino di Seattle …), Cactus, Blue Cheer e Groundhogs, innanzi tutto, e poi Kyuss e Karma To Burn, in un miscuglio di radici storiche e riferimenti più recenti, rappresentano le fondamenta su cui edificare un agglomerato musicale denso e avvolgente, che si rivela immediatamente nei pigri contorni heavy-southern-blues di “Dusty”, un’opener capace di strapazzare fin dal primo contatto i sensi degli appassionati del genere.
La title-track continua nell’encomiabile operazione con vigoria e dinamismo, mentre a “Maharishi suite” è affidato il compito di svelare il lato più “spirituale” del gruppo, splendido interprete di una lunga dissertazione in note magnetica e orientaleggiante.
Il groove più scanzonato di “Hot wheels” garantisce un’altra bella “botta” sensoriale, e con il brano “manifesto” “Rainbow bridge”, in cui la band rende omaggio in maniera davvero efficace al benamato “Re del blues elettrico”, si chiude un concentrato di energia e virtù emozionali, una dimostrazione breve e intensa di “superiorità” ispirativa, all’interno di un panorama stilistico sempre parecchio affollato.
Come si dice in questi casi … we want more!

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Hard / Rock / AOR / Glam
Anno di uscita: 2017
Durata: 35 min.
Tracklist:

  1. DUSTY
  2. DIRTY SUNDAY
  3. MAHARISHI SUITE
  4. HOT WHEELS
  5. RAINBOW BRIDGE

Line up:

  • Giuseppe “Jimi Ray” Piazzolla: guitar
  • Paolo Ormas: drums
  • Fabio Chiarazzo: bass

Voto medio utenti: Nessun voto

7
Recensione a cura di
Marco Aimasso
In vendita su EMP
Copertina
15.99 € / T-Shirt (nero, 100% cotone)
Copertina
5.99 € / Set asciugamani (100% cotone)
Copertina
9.99 € / T-Shirt (nero, 100% cotone)
Copertina
Dello stesso genere
Copertina Wild Frontier
2012
(Prime Entertainment / 2012)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Landskap
II
(Black Widow Records / 2015)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Airrace
Back To The Start
(Frontiers Records / 2011)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina XYZ
Forbidden Demos 1985/1991
(NL / 2006)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading