(Ván Records)Attic - Sanctimonious

Copertina Sareste contenti di fare una partitella a calcetto con il sosia di Ibrahimovič? Di conversare al pub con un attore che somiglia terribilmente ad Al Pacino? Vi piacerebbe buttarlo in cu.. no, diciamo scop... dai, vi piacerebbe prendere un caffè con una tizia che ricorda l'Edwige Fenech dei gloriosi film anni '80?
Probabilmente le risposte a queste domande sarebbero un "sí, beh, carino dai" oppure "per un'attimo può essere divertente".

Siamo a queste conclusioni anche con gli Attic, band tedesca che arriva oggi al secondo disco e che continua la sua opera di scopiazzamento-tributo ai mitici Mercyful Fate e King Diamond. Come il precedente "The Invocation", anche il nuovo "Sanctimonious" è un disco tutt'altro che brutto, solo è davvero troppo derivativo. Quando scegli di ispirarti ad una band particolare come quelle il cui il frontman è il Re Diamante e ne ricalchi tutti i crismi, devi contemporaneamente confrontarti con quanto prodotto dalle band originali e... alla fine ne esci a pezzi. Un po' perché quando si parla dei Fate o del King solista si parla di dischi che vanno dal bello al capolavoro e non è tanto semplice replicarne i fasti, soprattutto senza l'abilità e le idee dei musicisti originali.
"Sanctimonious" è un disco che si ascolta con piacere un paio di volte, alcune canzoni non sono male e può persino materializzarsi sulla faccia un sorriso di compiacimento. Ma poi ti volti, guardi tra i tuoi dischi e vedi la copertina di Melissa, di Conspiracy, di Time... e ti viene automatico pensare "beh, ma se devo ascoltare degli imitatori, allora mi ascolto gli originali". Ed il discorso è tutto qui.
Certo, il signor Cagliostro svolge un ottimo lavoro e la sua ugola in diversi frangenti è fottutamente uguale (no dai, simile) a quella di Kim Bnedix, le chitarre tirano fuori riff che non sono affatto male e le atmosfere sinistre si avvertono ma... la varietà è limitata e, soprattutto, è impossibile cancellare quel senso di "finto" che pervade il tutto.

Immagine

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Heavy Metal
Anno di uscita: 2017
Durata: 64 min.
Tracklist:

  1. IUDICIUM DEI
  2. SANCTIMONIOUS
  3. A SERPENT IN THE PULPIT
  4. PENALIZED
  5. SCRUPULOSITY
  6. SINLESS
  7. DIE ENGELMACHERIN
  8. A QUEST FOR BLOOD
  9. THE HOUND OF HEAVEN
  10. ON CHOIR STALLS
  11. DARK HOSANNA
  12. BORN FROM SIN
  13. THERE IS NO GOD

Line up:

  • Katte: guitars
  • Rob: guitars
  • Meister Cagliostro: vocals
  • Chris: bass
  • J.P.: drums

Voto medio utenti: Nessun voto

6
Recensione a cura di
Francesco Frank Gozzi
In vendita su EMP
Copertina
6.99 € / EP-CD
Copertina
Copertina
19.99 € / LP
Copertina
14.99 € / CD (Ristampa)
Dello stesso genere
Copertina Danzig
Black Laden Crown
(AFM Records / 2017)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Black Diamonds
Perfect Sin
(Autoproduzione / 2013)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Rise To Addiction
Rise To Addiction
(Rise To Addiction Music / 2004)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Angel Witch
Angel of Death: Live at East Anglia Rock Festival
(Mausoleum Records / 2006)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading