(Coalition Music)Incura - Incura II

Copertina Lo yeti finalmente è tornato. Prendo spunto dalla recensione del primo lavoro della band - a cui sono particolarmente legato perché è stata anche la mia prima esperienza come Ghost Writer - per introdurre questo “Incura II”, atteso da mesi e uscito in sordina (senza nemmeno un video di lancio e solo in formato digitale) a Luglio di quest’anno via Coalition Music/Warner (“Incura”, invece, era stato pubblicato da InsideOut Music/Sony).

Posticipato più volte, il secondo full-length dei canadesi non ha la personalità dell’esordio e, soprattutto, non regge il confronto a livello di song-writing. L’iniziale “Love To Forget” fa ben sperare, con il suo metal groovy e qualche moderata concessione al prog più tecnico. Ma già con la successiva “Now Or Never” qualcosa comincia non funzionare: la traccia è sì lineare e di facile presa, ma strizza l’occhio a tante band “che abbaiano ma non mordono” e che solitamente occupano i piani alti delle classifiche. Non va meglio con “Disable Everything”, un mix poco fluido di influenze che spaziano dall’hard rock all’heavy metal penalizzato da un ritornello davvero poco incisivo. Il ritornello è il problema anche di “Remodel”, nonostante un avvio deciso e l’auspicato ritorno delle atmosfere teatrali di “Incura”. L’anonima “Help Me…” prelude a “This Is What You Get”, quattro minuti che scimmiottano parimenti Muse, Depeche Mode, Guns ‘N’ Roses e - perché no - Green Day. “Abandon Me” è il secondo momento strappa-lacrime dai connotati mainstream che di originale ha ben poco, mentre bisogna aspettare “Living A Lie” per ascoltare una traccia all’altezza del sopraccitato primo album: eterogenea ma scorrevole, epica ma accessibile, il brano dimostra che gli Incura, se vogliono, sanno scrivere ottimi pezzi. “Pockets Full Of Pills” spicca per le chitarre grintose e perché tiene alta la curva dell’attenzione prima di “Condemn The Pollution”, che si distingue esclusivamente per il testo impegnato, essendo dal punto di vista musicale un susseguirsi di cliché.

“Incura II” non è un brutto disco, semplicemente non viene voglia di riascoltarlo. E alla luce del magnifico debut, è davvero un peccato. Voto di incoraggiamento.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Hard / Rock / AOR / Glam
Anno di uscita: 2017
Durata: 41 min.
Tracklist:

  1. LOVE TO FORGET
  2. NOW OR NEVER
  3. DISABLE EVERYTHING
  4. REMODEL
  5. HELP ME SAVE MYSELF TONIGHT
  6. THIS IS WHAT YOU GET
  7. ABANDON ME
  8. LIVING A LIE
  9. POCKETS FULL OF PILLS
  10. CONDEMN THE POLLUTION

Line up:

  • Kyle Gruninger: vocals
  • Gatlin Fitzgerald: guitars
  • Jon Olson: bass
  • Jim McLaren: keyboards
  • Phil Gardner: drums

Voto medio utenti: Nessun voto

6,5
Recensione a cura di
Gabriele Marangoni
In vendita su EMP
Copertina
19.99 € / LP
Copertina
14.99 € / CD (Ristampa)
Copertina
14.99 € / LP (Vinile colorato, Ed. Limitata)
Copertina
22.99 € / LP (Ed. Limitata, Picture)
Dello stesso genere
Copertina Crazy Lixx
Sound Of The Live Minority
(2016)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Kiske Michael
Instant Clarity (reissue)
(Frontiers / 2006)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Black Rain, The
Night Tales
(Street Symphonies Records / 2012)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Chasing Violets
Outside Heaven
(2012)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading