(Frontiers Music)Mr. Big - Defying Gravity

Copertina Da un lato ero seriamente preoccupato, vista la mediocrità di “The stories we could tell”.
Dall’altro era inevitabile nutrire le mie irriducibili speranze di appassionato, confidando nelle formidabili qualità di una formazione che, senza andare troppo lontano nel tempo, era stata capace di sfornare un lavoro enorme come “What if ...”.
E allora diciamo che l’ascolto di “Defying gravity”, l’atteso ritorno discografico dei Mr. Big, riesce ad alimentare in qualche modo entrambe le opposte sensazioni.
L’albo ostenta un valore artistico leggermente superiore al suo predecessore, ma purtroppo non riporta la band a quel ruolo di protagonista che le compete.
Realizzato i soli sei giorni sotto la direzione del celebre Kevin Elson (già dietro al mixer in “Mr. Big”, “Lean into it” e “Bump ahead”), il disco non manifesta che sporadici brandelli di quell’energia eclettica e avvincente che aveva ingolosito i sostenitori dell’hard-rock blues fin dalla prima apparizione sul globo terracqueo di questo funambolico supergruppo.
Tecnicamente sempre superlativi (ottima anche la prova di Matt Starr, coadiutore di lusso dello sfortunato Pat Torpey, affetto dal morbo di Parkinson), i Mr. Big lasciano troppo spesso che siano il “mestiere” e la routine a prendere il sopravvento e, complice pure una resa sonora non particolarmente nitida, trasmettono all’astante un’impressione di “opacità” espressiva abbastanza diffusa.
Quando però gli americani ritrovano la migliore “comunione d’intenti” e sfruttano il loro mastodontico potenziale con destrezza, la concorrenza può cominciare ad allarmarsi … l’accattivante tocco esotico (con contorni quasi prog …) della title-track, la carica supersonica di "Mean to me”, l’ardore soul di "Nothing bad (About feeling good)” (con un Martin sugli scudi, lontano dall’esplosività “giovanile” e comunque sempre eccellente sotto il profilo comunicativo) e l’enfasi (appena uno “zinzino” kitsch) di “Forever and back” sono frammenti in note di notevole impatto emozionale e sanciscono la sussistenza di una vena creativo-interpretativa non ancora esaurita.
Altrove troverete circostanze piacevoli (il groove di “Open your eyes” e “Everybody needs a little trouble”, la gradevolezza elettro-acustica di “Damn I’m in love again”, il “tiro”, un po’ alla Racer X, di “1992”) e qualche momento più interlocutorio e artefatto (“Nothing at all” mi ha addirittura fatto venire in mente qualcosa dei Faith No More …), realizzato con un certo buongusto e tuttavia non all’altezza del nobile pedigree dei nostri.
I Mr. Big forniscono alcuni segnali di ripresa e ciononostante non riescono a convincerci del tutto che la “crisi” sia stata superata … con un pizzico di fiducia supplementare, attendiamo con ansia “vera” il momento in cui torneranno nel gotha del Rock n’ Roll.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Hard / Rock / AOR / Glam
Anno di uscita: 2017
Durata: 49 min.
Tracklist:

  1. OPEN YOUR EYES
  2. DEFYING GRAVITY
  3. EVERYBODY NEEDS A LITTLE TROUBLE
  4. DAMN I’M IN LOVE AGAIN
  5. MEAN TO ME
  6. NOTHING BAD (ABOUT FEELING GOOD)
  7. FOREVER AND BACK
  8. SHE’S ALL COMING BACK TO ME NOW
  9. 1992
  10. NOTHING AT ALL
  11. BE KIND

Line up:

  • Eric Martin: vocals
  • Paul Gilbert: guitars
  • Billy Sheehan: bass
  • Pat Torpey: drums
  • Matt Starr: drums

Voto medio utenti: Nessun voto

7
Recensione a cura di
Marco Aimasso
In vendita su EMP
Copertina
19.99 € / CD & T-Shirt (nero, 100% cotone, Digipak)
Copertina
Copertina
52.99 € / LP & CD (Cofanetto, Ed. Deluxe)
Copertina
18.99 € / LP
Dello stesso genere
Copertina Hughes, Glenn Dvd
Live in Australia
(Edel / 2007)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Tyketto
Strength in Numbers
(Music for Nations / 1994)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Steel Panther
Lower the Bar
(Kobalt Label Services / 2017)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Bambole Nere
Odio Catodico
(Nelly / 2006)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading