(earMUSIC)Lord, Jon - Windows (reissue)

Copertina Penso che anche per i più caproni o i più estremisti di voi non ci sia bisogno che io stia qui a spiegare chi è Jon Lord. Anche se non siete particolarmente amanti dei tasti d’avorio non potrete far altro che convenire con me nel definirlo uno tra i migliori tastieristi di tutta la storia del rock, se non addirittura il migliore. In possesso di una tecnica sopraffina, amante e immenso conoscitore della musica classica, è riuscito in maniera egregia, grazie soprattutto ad un’incredibile sensibilità d’animo ed ad un gusto enorme per la melodia, a miscelare alla perfezione queste sue influenze classiche con il rock e l’hard rock, creando con i Deep Purple, con i Whitesnake, e in decine di dischi solisti e di collaborazioni, dei veri e propri capolavori.

Si diceva della sua sensibilità… proprio quella che l’ha portato a scontrarsi con l’irruenza di Ritchie Blackmore creando il sound inimitabile dei Deep Purple, la stessa sensibilità che è riuscito ad esprimere in capolavori come “Concerto for group and orchestra”, “April” o “Gemini suite”, nei primordiali tentativi di far convivere la musica classica e quella rock. “Windows” è il suo secondo album solista, registrato dal vivo, e uscito originariamente nel 1974, in un momento in cui i Deep Purple stavano vivendo la loro seconda giovinezza prima della disfatta dell’anno successivo. Per realizzarlo Lord chiama a sé un gruppetto di amici davvero niente male: Glenn Hughes, David Coverdale, Tony Ashton, Ray Fenwick, Pete York, e soprattutto il compositore e direttore di orchestra Eberhard Schoener, che conduce la Munich Chamber Opera Orchestra.

Si tratta di un album leggermente differente rispetto a quanto ci si poteva aspettare dal baffuto ‘Signore’ dei tasti d’avorio. Diviso in due parti, mantiene sì le inimitabili partiture barocche alle quali eravamo stati abituati, ma è anche pregno di fortissimi riferimenti al blues, al jazz, al prog e alla fusion, tanto da lasciare inizialmente spiazzato l’ascoltatore. Il primo brano, “Continuo on B-A-C-H”, è un umile tentativo da parte di Lord di concludere a modo suo “The art of fugue di Johann Sebastian Bach, opera che il compositore tedesco lasciò incompiuta nell’ultima parte della sua vita. Come già accennato, alle immancabili partiture classiche si affiancano interventi jazz e blues, e non mancano dei richiami al prog rock dei seventies. Sulla bontà dell’operazione e sulla sua riuscita lascio a voi ogni giudizio. Io mi limito a dire che si tratta di un esperimento sicuramente ardito, ma a mio modo di vedere altrettanto riuscito, se lo si prende per quello che è, e cioè un tributo al grande compositore, senza presunzione e senza malizia.

Il lato B dell’album, invece, è fatto di tutt’altra pasta. “Window” è una lunga suite di 32 minuti suddivisa in tre movimenti. Il concept dietro la composizione è sicuramente complesso. Lord cerca di mettere a confronto la struttura della rapsodia con quella della tradizione renga del Giappone medievale. Un’operazione senz’altro azzardata, che ha generato tre movimenti altrettanto articolati, ai limiti della sperimentazione più pura. Si passa con nonchalance da partiture fusion ad altre quasi ermetiche e a quelle classiche, con i soprano Ermina Santi e Sigune Von Osten ad alternarsi alla voce più canonica di Coverdale e a quella come sempre impeccabile di Hughes. Una sorta di Zorn ante litteram che duetta con Zappa, e che rende l’ascolto sicuramente ostico a chi non è abituato a determinate sonorità. E questo con tutto il bagaglio culturale e musicale che abbiamo noi oggi. Mi chiedo quali possano essere state le reazioni degli ascoltatori dell’epoca…

La earMUSIC lo scorso 28 Aprile ha ristampato l’opera rimasterizzando il tutto agli Abbey Road Studios, partendo dai mix stereo originali sotto la supervisione di Rob Cass. L’album presenterà un artwork rinnovato e un nuovo packaging in digipack. La ristampa ha seguito quella di “Gemini suite” e sarà seguita da quella di “Sarabande”, che chiuderà il trittico dei primi album solisti del tastierista.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Avatar Inserito il 07 agosto 2017 alle 15:43

un altro giovincello tra noi? :D

Avatar Inserito il 05 agosto 2017 alle 06:35

Ascoltatore dell'epoca? Presente! Della famiglia Purple sono sempre riuscito a farmi piacere QUASI tutto... e tra le ragioni del "quasi" annovero Windows. Avrò provato ad ascoltare un paio di volte il vinile, avrò dato una seconda chance all'opera in occasione della sua prima versione su cd, un quarto di secolo fa. Mai più. Cacofonia inascoltabile, complice una registrazione a dir poco mediocre. A un "giovane" direi di aspettare fiducioso quel piccolo capolavoro di Sarabande, e di ingannare l'attesa recuperando Before I Forget e Gemini Suite (studio version). Detto ciò, proverò a dare una TERZA chance a Windows...

Leggi la discussione completa

Genere: Hard / Rock / AOR / Glam
Anno di uscita: 2017
Durata: 49 min.
Tracklist:

  1. CONTINUO ON B.A.C.H.
  2. WINDOW
  3. 1ST MOVEMENT - RENGA
  4. 2ND MOVEMENT - GEMINI
  5. 3RD MOVEMENT - ALLA MARCIA: ALLEGRO

Line up:

  • DAVID COVERDALE: VOCALS
  • RAY FENWICK: GUITAR
  • GLENN HUGHES: BASS, VOCALS
  • JON LORD: PIANO, ORGAN, ARP SYNTHESIZER
  • TONY ASHTON: PIANO, ORGAN, VOCALS
  • EBERHARD SCHOENER: MOOG SYNTHESIZER
  • PETE YORK: DRUMS, PERCUSSION
  • ERMINA SANTI: SOPRANO VOCALS
  • SIGUNE VON OSTEN: SOPRANO VOCALS
  • GEORGE MORRISON: TRUMPET SOLO
  • GOTTFRIED GREINER: CELLO SOLO
  • GUNTER SALBER: VIOLIN SOLO
  • THE MUNICH CHAMBER OPERA ORCHESTRA CONDUCTED BY EBERHARD SCHOENER

Voto medio utenti: Nessun voto

7
Recensione a cura di
Roberto Alfieri
Dello stesso genere
Copertina Backyard Babies
People Like Us
(Century Media / 2006)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Laudamus
Lost In Vain
(Escape / 2003)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Ufo
You Are Here
(SPV / 2004)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Rayon Demo
Runnin’ from Elm St.
(2006)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading