(Via Nocturna)Lectern - Precept of Delator

Copertina "I Lectern sono quattro adoratori di satana romani che, senza dar sfoggio di tecnica, hanno concepito un disco di old school death metal registrato benissimo e che aspetta solo i nostalgici del malevolo verbo per poter sprigionare la sua potenza."

Potremmo chiuderla qui, ma anche no.
Attivi dal '99, morti e risorti sotto diverse forme nel corso degli anni, I Lectern arrivano alla pubblicazione del loro secondo disco che si presenta con una copertina che già dice molto di quello che troveremo all'interno. Un logo ispirato ai vecchi Hypocrisy, riferimenti demoniaci ed un tratto molto somigliante a quello del maestro Dan Seagrave, tutto punta verso un'unica direzione: old school death metal. I quaranta minuti del disco sono un festival di Obituary, Deicide, Morbid Angel Hypocrisy, Entombed... e continuate pure aggiungendo nomi di band della scena a caso, tra l'89 e il '95, soprattutto della Florida ma anche qualcosa di svedese.
La passione di questi sfrontati ragazzi per questo tipo di musica è evidente e trasuda nelle loro canzoni composte in modo grezzo, rustico, fisico, rendendole delle vere bastonate. Il loro death metal si è fatto molto più ruvido, intenso e basilare rispetto al disco precedente, dove eccessivi cambi di riff, di ritmo ed il "voler strafare" portavano spesso la band ad impantanarsi perdendo la retta via per concepire buone canzoni. Su "Precept of Delator" il fetido e il maligno regnano su tutto. La band ha deciso di scegliere un suono di chitarra più svedese e "motosegoso", piuttosto che quello compresso o super distorto della stagione dorata del Morrisound, per comporre belle canzoni basate sui riff (anche se non ce ne sono di memorabili), sull'impatto di una voce dall'oltretomba e squarciate da assoli che fischiano, fatti con "scale a caso" nella miglior tradizione Kerry King.

Per chi si pulisce la bocca con le maniche, si gratta il culo in pubblico, per chi rutta liberamente, per chi, insomma, non ha buone maniere la musica dei Lectern calza a pennello; fieri esponenti del death metal ruspante.



Immagine

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Death Metal
Anno di uscita: 2016
Durata: 37 min.
Tracklist:

  1. GERGAL PROFANER
  2. PALPATION OF SACRAMENTARIAN
  3. FLUENT BILOCATION
  4. DISTIL SHAMBLES
  5. PELLUCID
  6. DIPTYCH OF PERKED OBLATION
  7. GARN FOR DEBITORS
  8. PRECEPT OF DELATOR
  9. DISCORPORATION WITH FERAL

Line up:

  • Fabio Bava: vocals, bass
  • Marco Valentine: drums
  • Pietro Sabato: guitars

Voto medio utenti: Nessun voto

6,5
Recensione a cura di
Francesco Frank Gozzi
In vendita su EMP
Copertina
6.99 € / MAXI-CD (Digipak, Ed. Limitata)
Copertina
17.99 € / Maglia donna (blu, 100% cotone)
Copertina
59.99 € / Jeans (denim, 100% cotone)
Copertina
9.99 € / 2-CD (Ed. Limitata)
Dello stesso genere
Copertina Emergency Gate
Remembrance - The Early Days
(Twilight Zone Records / 2011)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Infernal Poetry
Nervous System Failure
(Casket Music / 2009)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Bereaved, The
Darkened Silhouette
(Black Lotus / 2005)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Viscera ///
Cyclops
(Apocalypse Now Music / 2008)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading