(Frontiers Music)All 41 - The World's Best Hope

Copertina Il progetto All 41 ha suscitato il mio interesse soprattutto per la presenza di Robert Berry, artista che apprezzo moltissimo - il suo “To The Power Of Three” con Keith Emerson e Carl Palmer è tra le cose più sottovalutate degli Eighties, così come i suoi December People, versione prog della Trans-Siberian Orchestra - e che non ha avuto la stessa fortuna di musicisti più blasonati ma, secondo me, meno dotati (per fugare ogni dubbio, sto pensando a Billy Sherwood, ndr).

Detto questo, il supergruppo costruito a tavolino dall’instancabile Serafino Perugino con questo “The World’s Best Hope” ha gioco abbastanza facile nel soddisfare i fan delle band di provenienza dei “big” coinvolti (all’anagrafe Terry Brock, il sopraccitato Robert Berry, Gary Pihl e Matt Starr).

“After The Rain” evidenzia da subito come bastino quattro accordi e tanta classe per scrivere musica di qualità (la lezione è quella di Jim Steinman), e discorso simile si può fare per la successiva “Cyanide”, ruffiana e AOR quanto basta. “Down Life’s Page” attacca come una ballad strappalacrime per sfociare presto in un brano incalzante di scuola Toto, e anticipa un altro episodio da pelle d’oca come “Mother Don’t Cry”. “Show Me The Way” è più vicina all’hard rock tout-court, prima della meno riuscita (e brevissima) “Walk Alone”, filler un po’ forzato. Da qui in poi i tributi più o meno palesi prendono il sopravvento: “Don’t Surrender”, dalle tentazioni bluesy, omaggia l’Hendrix di “Little Wing”, “Never Back Down Again” rimanda a una versione “morbida” dei Van Halen, “Who Knows” trasuda Boston da ogni poro e la titletrack crea un ponte ideale tra Journey e Whitesnake. Considerazioni a parte vanno fatte per “Hero In Your Life”, dal gusto armonico più ricercato e originale.

La passione per certa musica c’è e si sente tutta. Se vi basta questo per procedere all’acquisto, evitate pure di pensarci su troppo…

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Hard / Rock / AOR / Glam
Anno di uscita: 2017
Durata: 45 min.
Tracklist:

  1. AFTER THE RAIN
  2. CYANIDE
  3. DOWN LIFE'S PAGE
  4. MOTHER DON'T CRY
  5. SHOW ME THE WAY
  6. WALK ALONE
  7. DON'T SURRENDER (TO LOVE)
  8. HERO IN YOUR LIFE
  9. NEVER BACK DOWN AGAIN
  10. WHO KNOWS
  11. THE WORLD'S BEST HOPE

Line up:

  • Terry Brock: lead vocals

  • Robert Berry: bass guitar, vocals
  • Gary Pihl: lead guitars

  • Matt Starr: drums

Voto medio utenti: Nessun voto

7
Recensione a cura di
Gabriele Marangoni
In vendita su EMP
Copertina
34.99 € / Camicia donna (nero, 100% cotone)
Copertina
19.99 € / LP
Copertina
23.99 € / Disco Blu-Ray
Copertina
17.99 € / CD (Digipak)
Dello stesso genere
Copertina Radioactive
Yeah
(MTM / 2003)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Electric Boys
Freewheelin'
(1994)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Mass
Slaughterhouse
(Strand / 1979)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Unchosen, The
In My Head
(Crooked House / 2006)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading