(InsideOut Music)Next To None - Phases

Copertina “Presuntuoso” è il primo aggettivo che mi sovviene pensando al nuovo album dei Next To None. Presuntuoso perché cerca maldestramente di stravolgere alla radice il suono - di certo discutibile - del suo predecessore; presuntuoso perché è davvero un’impresa titanica arrivare alla fine dei suoi 78 minuti; presuntuoso perché la giovane band di Max Portnoy - figlio del ben più noto Mike - ha oggettivamente troppa fiducia nei propri mezzi tecnici e nelle proprie capacità compositive per essere in qualsiasi modo giustificata.

Era difficile fare peggio dell’esordio “A Light In The Dark”, eppure i Next To None non hanno mancato di tanto questo ambizioso obiettivo. Se prima la colpa si poteva dare a un tentativo scellerato e malriuscito di suonare prog metal ultra-contaminato, stavolta il quartetto ha pensato bene di disfarsi completamente del bagaglio progressivo per ispirarsi a quanto di peggio il mercato discografico heavy mainstream ci ha regalato negli ultimi anni (metalcore, nu-metal e robaccia così che giusto uno “stomaco de fero” come Graz ha il coraggio di affrontare e recensire).

Vogliamo parlare della musica? Parliamone. Parliamo della disordinata “Answer Me” e del suo Bignami di cliché del batterismo metal. O dell’inspiegabile “Beg”, un po’ Slipknot un po’ Luna Park. Parliamo poi della coda dell’estenuante e prevedibile “Kek” che scimmiotta parimenti Avenged Sevenfold e Linkin Park. E “Clarity” invece, con il rifframa di scuola “Train Of Thought” (a sua volta di scuola Pantera)? E dei 20 minuti di “nulla” di “The Wanderer” cosa vogliamo dire? Concediamo l’onore delle armi giusto all’accettabile - ma non entusiasmante - “Alone” e fermiamoci qui che è meglio.

Poteva essere il “disco della riscossa”, ma “Phases” non fa altro che dare ulteriore credito alle (tristi) congetture emerse ai tempi del sopraccitato “A Light In The Dark” (“raccomandati”, ndr).

Di solito - quantomeno - si tende a fare tesoro degli errori passati: cosa stanno aspettando i Next To None in tal senso?

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Avatar Inserito il 12 agosto 2017 alle 08:14

Nelle parti ritmiche e incazzate ancora ancora ci stanno dentro anche se è roba già sentita 20 anni fa. Le parti melodiche sono merda pura, maledetto metalcore.

Avatar Inserito il 24 luglio 2017 alle 14:10

Ahahhah l'apoteosi dello schifo

Avatar Inserito il 22 luglio 2017 alle 16:05

"scimmiotta parimenti Avenged Sevenfold e Linkin Park"..... minchia che bello.....

Leggi la discussione completa

Genere: Progressive Metal
Anno di uscita: 2017
Durata: 78 min.
Tracklist:

  1. 13
  2. ANSWER ME
  3. THE APPLE
  4. BEG
  5. ALONE
  6. KEK
  7. CLARITY
  8. PAUSE
  9. MR. MIME
  10. ISOLATION
  11. DENIAL
  12. THE WANDERER

Line up:

  • Max Portnoy: drums
  • Thomas Cuce: vocals, keyboards
  • Derrick Schneider: guitars
  • Kris Rank: bass

Voto medio utenti: Nessun voto

5
Recensione a cura di
Gabriele Marangoni
In vendita su EMP
Copertina
3.99 € / MAXI-CD (2 tracce)
Copertina
Copertina
15.99 € / DVD
Copertina
16.99 € / CD & DVD
Dello stesso genere
Copertina Ark
Burn The Sun
(InsideOut / 2001)
Voto: 5,0
1 opinione
Copertina Pain Of Salvation
Entropia
(InsideOut Music / 1997)
Voto medio degli utenti: 5,0
2 opinioni
Copertina Metaphysics
Beyond The Nightfall
(SG Records / 2012)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Cloudscape
New Era
(RoastingHouse Records / 2012)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading