(Season of Mist Underground Activists / Audioglobe)Nightbringer - Terra Damnata

Copertina "Terra Damnata", quinto lavoro in studio (terzo per Season of Mist) per gli americani, del Colorado, Nightbringer, è il disco che il gruppo avrebbe dovuto scrivere da sempre.
Certamente tra gli esponenti più interessanti del moderno black metal, nelle uscite precedenti i Nostri, a mio parere, si erano sempre "persi" in troppe sperimentazioni e troppi arzigogoli che perdevano di vista il risultato finale, sebbene la qualità complessiva rimanesse, in ogni caso, elevata.
Adesso, invece e per fortuna, il leader Naas Alcameth opta per soluzioni più dirette e meno cervellotiche riuscendo a scrivere una manciata di brani semplicemente distruttivi che danno vita, parola paradossale quest'ultima perchè qui è tutto morte, ad un album di black metal nero come la notte più nera e insidioso come la mefitica puzza di zolfo.
Le strutture sonore, sebbene la forma canzone sia adesso assoluta protagonista, restano comunque variamente stratificate e ricche di intrecci "melodici" ed atonali, ma vanno dirette al punto, non fanno prigionieri, sorrette come sono da un riffing lancinante nelle sue infernali dissonanze e ci annichiliscono con un esoterismo alieno fatto di continue esplosioni strumentali e malefici interludi dal sapore ritualistico fusi in una colata di puro inferno e, idealmente, suddivisi in una prima parte dell'album più veloce e deflagrante ed una seconda maggiormente attenta all'atmosfera.

I Nightbringer, da molti, sono considerati sopravvalutati, da tanti altri sono visti come i nuovi signori, per lo meno sul suolo americano, del nero verbo: "Terra Damnata", dal mio punto di vista, è l'album in grado di mettere tutti d'accordo, è il punto di svolta di una carriera lunga già vent'anni, è un vortice di ortodossia oscura e di atmosfere religiose che inghiottirà sia i nostalgici del black metal che fu, sia gli adoratori "moderni" del male, sotto le insegne della malvagità dell'estremo in musica.
Sarà difficile, nel 2017, trovare un lavoro migliore di questo in quanto a violenza ed oscurità: non credo sia poco.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Avatar Inserito il 09 maggio 2017 alle 17:57

azz, che recensione ! l'ho scaricato, voglio proprio ascoltarlo ......

Leggi la discussione completa

Genere: Black Metal
Anno di uscita: 2017
Durata: 52 min.
Tracklist:

  1. AS WOLVES AMONGST RUINS
  2. MISRULE
  3. MIDNIGHT'S CROWN
  4. OF THE KEY AND CROSSED BONES
  5. LET SILENCE BE HIS SACRED NAME
  6. INHERITOR OF A DYING WORLD
  7. THE LAMP OF INVERSE LIGHT
  8. SERPENT SUN

Line up:

  • Naas Alcameth: guitars, bass, vocals, scripts and ambience
  • Ophis: guitars, bass, vocals and scripts
  • Ar-Ra'd al-Iblis: vocals and scripts
  • VJS: guitars and keys
  • Norgaath: bass
  • Menthor: percussions

Voto medio utenti: Nessun voto

7,5
Recensione a cura di
Beppe 'dopecity' Caldarone
In vendita su EMP
Copertina
Copertina
14.99 € / Pendente con laccio in cuoio (acciaio inossidabile)
Copertina
14.99 € / CD (Digipak)
Copertina
19.99 € / Disco Blu-Ray
Dello stesso genere
Copertina Horna
Kohti Yhdeksän Nousua
(Solistitium Records / 1998)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Nine Covens
On The Dawning Of Light
(Candlelight Records / 2012)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Thaw
MMXII
(2012)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Blood Red Fog
Harvest
(Saturnian Productions / 2012)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading