(Inner Wound Recordings)Vandroya - Beyond The Human Mind

Copertina Prendete i connazionali Angra (era Falaschi sopratutto), i Symphony X (la "cafonaggine" di Romeo in particolare) e "un poco di zucchero" di scuola Ten e avrete una panoramica abbastanza completa della proposta musicale dei brasiliani Vandroya.

Guidati dalla più che discreta Daísa Munhoz, i nostri danno solo oggi un seguito all'apprezzato "One" (datato ormai 2013) con un semi-concept che ruota intorno alla ricerca della pace interiore che ognuno di noi va inseguendo ogni giorno.

Dopo l'immancabile introduzione strumentale dal piglio sinfonico ("Columns Of Illusion"), la formazione carioca parte subito in quarta con "The Path To The Endless Fall", brano che deve molto a dischi come "Rebirth" e "Temple Of Shadows", con la rossa vocalist sugli scudi. Il rifframa di "Maya" non può non ricordare la band di Russell Allen, prima della riuscita divagazione hard rock di "Time After Time", con l'hammond in evidenza. "Last Breath" è la prima ballad del lotto e si muove a cavallo tra "Bleeding Heart" e un hit a scelta di Gary Hughes. L'incipit di "I'm Alive" (titolo originalissimo, ma pure gli altri non scherzano) sembra preso da un brano dei Whitesnake, ma è solo una questione di tempo prima di tornare nella "comfort zone" degli artisti di cui sopra. "You'll Know My Name" tributa la scuola power teutonica e ci aggiunge un break marcatamente prog, in totale contrasto con la successiva (e altalenante) "If I Forgive Myself", seconda "suicide ballad" stavolta lasciata al pianoforte. La lunga (ma scorrevole) titletrack che chiude l'opera è un brano più propriamente progressivo (un po' "The Accolade", un po' "As I Am") dove le timbriche e "le intenzioni" dei soli richiamano in modo abbastanza inequivocabile (colpo di scena) il "teatro del sogno".

Per quanto riguarda la produzione si poteva sicuramente fare di meglio, ma sulle composizioni il giudizio è indiscutibilmente positivo. Forza e coraggio Vandroya (soprattutto il secondo)...

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Power Metal
Anno di uscita: 2017
Durata: 54 min.
Tracklist:

  1. COLUMNS OF ILLUSION
  2. THE PATH TO THE ENDLESS FALL
  3. MAYA
  4. TIME AFTER TIME
  5. LAST BREATH
  6. I'M ALIVE
  7. YOU'LL KNOW MY NAME
  8. IF I FORGIVE MYSELF
  9. BEYOND THE HUMAN MIND

Line up:

  • Daísa Munhoz: vocals
  • Marco Lambert: guitar
  • Rodolfo Pagotto: guitar
  • Giovanni Perlati: bass
  • Otávio Nuñez: drums

Voto medio utenti: Nessun voto

7
Recensione a cura di
Gabriele Marangoni
In vendita su EMP
Dello stesso genere
Copertina Lancer
Second Storm
(Despotz Records / 2015)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Sonata Arctica
Pariah's Child
(Nuclear Blast / 2014)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Blind Guardian
At the Edge of Time
(Nuclear Blast / 2010)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Rhapsody Of Fire
From Chaos to Eternity
(Nuclear Blast / 2011)
Voto medio degli utenti: 4,5
2 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading