(Frontiers Music)Treat - The Road More or Less Traveled

Copertina Si può essere rockofili “maturi” e scafati, ma è innegabile che ascoltare un disco dal vivo a cui in qualche modo si è “contribuito” provoca sempre un’emozione speciale.
Se poi si tratta di uno dei tuoi (tanti) “eroi personali” che mai avresti immaginato di vedere “de visu”, appare ancora più chiaro l’approccio con cui il sottoscritto ha affrontato “The road more or less traveled” dei favolosi Treat, registrato nel 2016 durante quell’evento straordinario denominato Frontiers Rock Festival (a proposito ci siamo quasi per la nuova edizione … pronti all’ennesima scorpacciata di chic-rock?).
Rivivere le intense sensazioni di quel 23 aprile è sicuramente un “valore aggiunto” per i molti estimatori del gruppo accorsi al Live Club di Trezzo sull'Adda e ciononostante questo lavoro si dimostra straordinariamente coinvolgente anche per chi se lo è “colpevolmente” perso in quell’indimenticabile serata.
Innanzi tutto è da sottolineare l’ottima prova complessiva della band (aiutata, a onor del vero, da un numero considerevole di basi pre-registrate …), con un Ernlund sugli scudi, un Wikström sempre graffiante e le tastiere dell’ospite Jona Tee (degli H.E.A.T .) a supportare con sensibilità e misura arrangiamenti variegati ed effervescenti.
Subito dopo è necessario rilevare l’efficacia di una scaletta irresistibile, suddivisa con oculatezza tra il glorioso “passato” degli svedesi e il loro brillante “presente”, lungo un percorso sonoro che li ha designati un caposaldo della scena scandinava melodica e li ha mantenuti, pur all’interno di un trademark assolutamente riconoscibile e coerente, lontani dall’autocompiacimento retrospettivo.
Accade così che il clima melodrammatico e denso della title-track dell’ultimo studio album “Ghost of graceland” si mescoli ad arte con i guizzi Zeppelin-eschi di “Ready for the taking”, mentre la spumeggiante “Papertiger” esalta i sensi e la passionale “We own the night” li blandisce senza sterili sdilinquimenti.
I più “nostalgici” gioiranno per le smaglianti esecuzioni di “Get you on the run” (cantata a gran voce dal pubblico … e tra di loro ... c’ero anch’io, nè!), della scattante “Conspiracy” e della fascinosa “World of promises”, e tuttavia sono certo che anche il più intransigente e malinconico di loro non potrà che esaltarsi per l’esotica tensione emotiva di “Skies of Mongolia” o ancora per l’hard-rock a “presa rapida” di “Better the devil you know”, per il ruggito anthemico di “Roar” o per la spigliata ruffianeria di “Non stop madness”.
Insomma, se avevate bisogno di un’altra conferma tangibile del colossale valore trans-epocale dei Treat, incapace di accusare il benché minimo segno “d’usura”, “The road more or less traveled”, rappresenta un’occasione imperdibile … catapultatevi subito all’acquisto!

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Hard / Rock / AOR / Glam
Anno di uscita: 2017
Durata: 73 min.
Tracklist:

  1. GHOST OF GRACELAND
  2. BETTER THE DEVIL YOU KNOW
  3. NON STOP MADNESS
  4. READY FOR THE TAKING
  5. PAPERTIGER
  6. DO YOUR OWN STUNTS
  7. ENDANGERED
  8. GIMME ONE MORE NIGHT
  9. WE OWN THE NIGHT
  10. ROAR
  11. GET YOU ON THE RUN
  12. CONSPIRACY
  13. SKIES OF MONGOLIA
  14. WORLD OF PROMISES

Line up:

  • Robert Ernlund: vocals
  • Anders Wikström: guitars, vocals
  • Pontus Egberg: bass, vocals
  • Jamie Borger: drums
  • Jona Tee: keyboards

Voto medio utenti: Nessun voto

8
Recensione a cura di
Marco Aimasso
In vendita su EMP
Copertina
16.99 € / CD
Copertina
9.99 € / 2-CD (Ed. Limitata)
Copertina
34.99 € / Felpa con cappuccio (rosso, 80% cotone, 20% poliestere)
Copertina
13.99 € / CD
Dello stesso genere
Copertina Incura
Incura II
(Coalition Music / 2017)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Voodoo Six
Songs to Invade Countries to
(Universal Records / 2013)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Palace Of The King
Palace Of The King LP
(2014)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Liesegang
No Strings Attached
(Escape / 2003)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading