(Pest Production / Earsplit PR)Isenordal - Shores of Mourning

Copertina Seattle era la capitale del Grunge.
Ok, è anche la città dei grandi (ex grandi) Queensrÿche.
Da oggi, almeno per il sottoscritto, sarà anche la città degli Isenordal, misconosciuta band formatasi nel 2013, che con il disco di esordio, il qui presente "Shores of Mourning", mi ha sorpreso e, cosa più importante, emozionato.
Non è semplice parlare di questo lavoro, così come non è semplice classificarlo: anzi, proposte del genere, a mio avviso, non andrebbero proprio classificate, ma solo ascoltate, vissute, e amate.
Di cosa parliamo?
Immaginiamo un suono che parta dal cascadian black metal e che arrivi al doom di matrice epica passando per i primi Ulver, per i primi In the Woods, per il neofolk... come vi sembra? Interessante non è vero?
La cosa più sbalorditiva è che tutte queste sfaccettature, tutti questi umori diversi sono coagulati all'interno di brani semplicemente perfetti ed altamente emozionanti (sfido a non lasciarvi sfuggire una lacrima all'ascolto della meravigliosa "Cleansing Rites").
Il continuo contrasto (parola che non uso a caso dal momento che è la cifra stilistica di tutto l'album) che il gruppo crea tra la ruvidità del metallo estremo e la delicatezza delle melodie, tra le dolci note di un violino suonato con gusto e il gelo del tremolo picking, tra gli eterei vocalizzi femminili e lo scream selvaggio (o il brutale growl), concorrono a mettere in scena un metal atmosferico come solo i migliori Agalloch, per rimanere in "zona", sono riusciti a fare in passato a testimonianza, certamente, di una capacità di songwriting, e di interpretazione, assolutamente fuori dalla norma che ci consegnano un gruppo in grado, all'esordio lo ribadisco, di scrivere quello che è un vero e proprio capolavoro... e scusate se è poco.
"Shores of Mourning", per ora, esce solo in formato tape o digitale (brrrrr) ma presto sarà stampato in CD dalla Pest Production: vi consiglio, caldamente, di acquistarne una copia e di lasciarvi travolgere dalla aspra bellezza delle sue note.
Non ve ne pentirete assolutamente.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Inclassificabile
Anno di uscita: 2017
Durata: 48 min.
Tracklist:

  1. SHORES OF MOURNING
  2. OF WINGED FIRE AND CRAWLING SHADOW
  3. PYRES AT NIGHTFALL
  4. TO TEAR THE VEIL OF DREAMS
  5. A GALLOWS PRAYER
  6. CLEANSING RITES

Line up:

  • Kerry Hall: guitar, vocals
  • Marisa Janke: viola, vocals
  • Sam Smallidge: guitar
  • Brian Spenser: drums
  • Jeff King: bass
  • Lieu Wolfe: piano, organ

Voto medio utenti: Nessun voto

8
Recensione a cura di
Beppe 'dopecity' Caldarone
In vendita su EMP
Copertina
22.99 € / LP (Vinile colorato, Ed. Limitata)
Copertina
5.99 € / Set asciugamani (100% cotone)
Copertina
19.99 € / LP
Copertina
14.99 € / CD (Digipak)
Dello stesso genere
Copertina Manic Street Preachers
Send Away the Tigers
(Columbia / 2007)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Townsend, Devin
Terria
(Inside Out / 2001)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Psychofagist
Il Secondo Tragico
(Subordinate / 2009)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Swans
The Seer
(Young God Records / 2012)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading