(EdisonBox)PsychoKiller - Higher

Copertina
“Agisce in modo pericolosamente folle. Ti sussurra: «non sei all'altezza». È l'angoscia condizionata. È il turbamento della sfiga che fa tremare le gambe mentre camini lungo il precipizio. È la speranza perduta che innesca l'auto-distruzione. Ormai non avverti più la sua presenza e ti fotte il cervello eo ipso: ti fa guardare concerti attraverso uno smartphone e passare ore dietro un selfe. Con ironia beffarda, ti rimbambisce di cazzate abituandoti ad ingoiare il veleno quotidiano come il giudice di un talent crea suspense prima di eliminare il concorrente. PsychoKiller è il prodotto di un mondo fuori controllo, drogato delle sue stesse paranoie. È il mostro invisibile che ci orchestra. Una radio sempre accesa che trasmette, dentro la testa, la dose di apatia quotidiana che anestetizza, violenta i pensieri e li viviseziona trasformando emozioni fittizie e turbamenti paranoidi in inni alla vittoria: earworms senza sosta che attirano nuove vittime.
PsychoKiller è l'umana sete di auto-tortura”.


Non sono solito “sfruttare” il materiale informativo fornito a supporto delle uscite discografiche da recensire, ma in questo caso la sezione d’apertura del presskit di “Higher” degli PsychoKiller era davvero troppo intrigante per non essere utilizzata come incipit di questa breve disamina del loro secondo full-length.
Nati nel 2013 e formati da tre ex componenti degli Hollywood Noise, i rockers sabaudi tentano di uscire dalle affollate paludi della scena alternativa underground con un prodotto piuttosto gradevole, capace di mescolare scorie di grunge / punk, brandelli indie-pop e rifrazioni della psichedelia più fluida ed eterea, in una sorta di scontro tra urgenza e straniamento dagli effetti emotivi abbastanza intensi e coinvolgenti.
La scrittura è sagace e sufficientemente versatile, le suggestioni ispirative molteplici senza eccessi, e il tutto passa per osmosi dagli strumenti e dalle menti della band ai sensi dell’astante con notevole facilità, garantendo un ascolto piacevole per tutta la durata dell’opera.
In questa situazione espressiva, a cui manca solo un pizzico di ulteriore varietà compositiva e interpretativa, si comincia con le allettanti catarsi vagamente Nirvaniane di “Tidal wave”, per poi abbandonarsi alle magnetiche rarefazioni paranoiche di “Live your life lonely” e alle atmosfere pulsanti e visionarie della title-track, approdando a una “Take care of your sun” che sprigiona inebrianti vapori armonici luminescenti, resi appena meno efficaci da una patina lieve di stucchevolezza.
I dream it all tonight” è onirica e vertiginosa come il suo videoclip, “Blackhands” dà una bella scossa di caleidoscopica elettricità (con un accenno ai Rolling Stones “lisergici” inserito nell’impasto sonico), mentre “Free to choose” non convince completamente a causa di una linea melodica un po’ troppo epidermica e retorica.
Se andiamo un po’ meglio con “In the mood”, ancora leggermente verbosa, è con lo sbarazzino psych-reggae n’ roll di “Under pressure” che il programma riprende veramente quota, rimanendo nelle zone alte dell’appagamento cardio-uditivo con “Could you wake up”, suggestiva chiusura di un albo che merita attenzione.
Nessuna autentica “novità” e tuttavia tante piccole “sorprese” … per chi crede che la forza delle canzoni, a dispetto di ogni loro eventuale carattere “rivoluzionario”, risieda nell’emozione e nelle idee … Psycho Killer qu'est-ce que c'est? … si chiedeva “qualcuno” … un gruppo molto interessante, è in questo caso la risposta più appropriata.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Alternative / Djent / Post Rock
Anno di uscita: 2017
Durata: 41 min.
Tracklist:

  1. TIDAL WAVE
  2. LIVE YOUR LIFE LONELY
  3. HIGHER
  4. TAKE CARE OF YOUR SUN
  5. I DREAM IT ALL TONIGHT
  6. BLACKHANDS
  7. FREE TO CHOOSE
  8. IN THE MOOD
  9. UNDER PRESSURE
  10. COULD YOU WAKE UP

Line up:

  • Enrico Spina : vocals, guitars
  • Nicholas Bena: guitars, vocals
  • Lorenzo Bevacqua: bass, vocals
  • Alessio Scullino: drums, vocals

Voto medio utenti: Nessun voto

7
Recensione a cura di
Marco Aimasso
In vendita su EMP
Copertina
16.99 € / CD (Mediabook, Ed. Limitata)
Copertina
18.99 € / 2-LP
Copertina
16.99 € / DVD & CD (Ed. Limitata)
Copertina
9.99 € / 2-CD (Ed. Limitata)
Dello stesso genere
Copertina Animals as Leaders
Animals as Leaders
(Prosthetic Records / 2009)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Milady's Gloves Demo
My Shared Folder
(2005)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Crisalide Demo
Crisalide
(2006)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Nevea Tears
Do I Have To Tell You Why I Love You
(Alveran / 2005)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading