(I, Voidhanger Records)Locust Leaves - A Subtler Kind of Light

Copertina Formatisi nell'ormai lontano 2003, i greci Locust Leaves hanno lavorato all'interno della scena underground del loro paese senza mai rilasciare, a livello ufficiale, prove tangibili del loro estro musicale, rimanendo, dunque, sempre confinati nel limbo dei gruppi di culto.
Fortunatamente la nostra I Voidhanger Records, etichetta che senza tema di smentite è una delle migliori in ambito metal di tutto il panorama mondiale, ha dato la possibilità al duo di rilasciare il primo album, "A Subtler Kind of Light", che si candida, prepotentemente, come una delle cose più interessanti, e di certo più particolari, che io abbia ascoltato in questo 2017.
"Particolare" è la parola, a mio avviso, più idonea a definire la proposta del gruppo.
Del resto, un album che è capace di mescolare Doom epico alla Candlemass, Mercyful Fate, i Death della loro ultima incarnazione, il tratto thrash progressive dei migliori Mekong Delta e la follia "greca" degli Hail Spirit Noir, non può che essere tale, cioè particolare!
Badate bene però, la fortissima personalità di questo album si sposa con la sua elevata qualità: i brani che lo compongono, tre vere e proprie canzoni ed un ultimo pezzo strumentale di matrice ambient, sono fluidi nel saper armonizzare influenze tanto distanti e portentosi nel risultare scorrevoli nonostante il minutaggio elevato e l'estrema complessità che li caratterizza.
Tutto questo è reso possibile da diversi fattori.
Innanzitutto il songwriting del polistrumentista Helm risulta decisamente ispirato e ricco di tante idee con le quali si potrebbero comporre due, tre album, poi la voce di Nick K che spazia, senza alcun problema, da toni stentorei, ed epici, ad inflessioni black/thrash, passando per momenti in cui mi è venuto alla mente il genio di Mike Patton e risultando sempre perfetta nel descrivere gli umori delle canzoni, ed in ultimo il fondamentale apporto che viene dato all'album dai due ospiti presenti, Vorskaath (Zemial e Agatus) alla batteria che da prova di essere in grado di suonare con facilità praticamente ogni genere e Ayloss (Spectral Lore) alla chitarra solista autore di una prestazione semplicemente magistrale, quasi da guitar hero, non tanto per tecnica, quanto per gusto ed efficacia.
Insomma, "A Subtler Kind of Light", è un album raffinato e di grande espressività: il suo andamento progressive, le sue melodie epiche e, lo sottolineo di nuovo, greche, i suoi costanti cambi di tempo, la sua durezza thrash affiancata ai momenti più riflessivi, la tecnica strumentale di primo piano, sono tutti elementi che concorrono a comporre un quadro molto ricco e dall'ampio prisma di colori che i più attenti di voi sapranno apprezzare per quello che è: un sottile capolavoro di luce soffusa.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Heavy Metal
Anno di uscita: 2017
Durata: 35 min.
Tracklist:

  1. LIGHT (FOS)
  2. PILLAR (VRAXOS)
  3. FALL (PTOSI)
  4. FLIGHT (PTISI)

Line up:

  • Nick K.: vocals
  • Helm: all instruments
  • Vorskaath: drums (guest)
  • Ayloss: lead guitars (guest)
  • Gemeinschaft Triste: ambience (guest)

Voto medio utenti: Nessun voto

7,5
Recensione a cura di
Beppe 'dopecity' Caldarone
In vendita su EMP
Copertina
12.99 € / CD
Copertina
30.99 € / 2-CD (Digipak, Ed. Limitata)
Copertina
15.99 € / DVD
Copertina
19.95 € / Brochure (Copertina Morbida)
Dello stesso genere
Copertina Headhunter
Rebirth
(Major records / 1994)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Budgie
Smile Boy Smile
(A&M Records / 1978)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Phantom Lord Demo
The Wings Of Liberty Thoughts
(2004)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Anguish Force
Created 4 Self-Destruction
(My Graveyard Productions / 2009)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading