(Napalm Records)Ex Deo - The Immortal Wars

Copertina La Legione Romana di stanza in Canada si è rimessa in marcia.
Il passo dei legionari è martellante e la loro avanzata imponente e, ovviamente, marziale.

Non stupisce, infatti, che gli Ex Deo abbiano scelto questo immaginario per accompagnare le propria proposta musicale, fondamentalmente un Death Metal mai troppo esasperati e dai marcati toni epici tinteggiati da passaggi orchestrali che rendono il tutto più arioso e cinematografico, un po' alla maniera di quanto fatto, ad esempio, da Bal-Sagoth o Therion.
Certo, che uno dei fautori nell'intraprendere questo concept lirico e visuale abbia chiare origini italiane, ha avuto la sua importanza, e mi riferisco al ruolo svolto Maurizio Iacono, oramai da anni vocalist dei Kataklysm. Sono proprio questi ultimi a costituire l'ossatura degli Ex Deo, dove oltre a Iacono, ritroviamo il chitarrista Jean-François Dagenais, il bassista Stéphane Barbe (ma negli Ex Deo si propone alla chitarra) e il batterista Olivier Beaudoin (subentrato a Max Duhamel in entrambe le formazioni appena citate), tutti membri degli attuali Kataklysm, cui si aggiunge al basso Dano Apekian.

Qualche ordine impartito in maniera secca e autoritaria qua e là, suoni di combattimenti e squilli di tromba trionfali riescono a dare un tocco "beligerante" ai pezzi, senza risultare pacchiano o pretestuoso, come lasciano a intendere sin da subito l'epicheggiante opener "The Rise of Hannibal" e poi una frontale "Cato Major: Carthago Delenda Est!" o l'altrettanto devastante "Ad Victoriam (The Battle of Zama)", ma anche la conclusiva "The Roman", corale e anthemica, con tanto di passaggi declamati in italiano, lascia il segno.

Tutti quelli che aveano apprezzato i precedenti "Romulus" e "Caligula", non potranno sicuramente ignorare questo "The Immortal Wars", incentrato sulla Seconda Guerra Punica combattuta da Romani e Cartaginesi, e che mostra degli Ex Deo sempre più compatti, convinti e convincenti.
Se poi a scuola, avevate preso dei brutti voti nelle interrogazioni di Storia sulle (barbose) vicende dell'Antica Roma o in occasione delle (temute) verifiche di Latino, e preferite girarci al largo.. vi potrei pure capire.

Ma - e il sottoscritto non era certo un secchione - io la penso diversamente.




Metal.it
What else?

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Death Metal
Anno di uscita: 2017
Durata: 38 min.
Tracklist:

  1. THE RISE OF HANNIBAL
  2. HISPANIA (THE SIEGE OF SAGUNTUM)
  3. CROSSING OF THE ALPS
  4. SUAVETAURILIA (INTERMEZZO)
  5. CATO MAJOR: CARTHAGO DELENDA EST!
  6. AD VICTORIAM (THE BATTLE OF ZAMA)
  7. THE SPOILS OF WAR
  8. THE ROMAN

Line up:

  • Maurizio Iacono: vocals
  • Stéphane Barbe: guitars
  • Jean-Francois Dagenais: guitars
  • Dano Apekian: bass
  • Jonathan Leduc: keyboards
  • Max Duhamel: drums

Voto medio utenti: Nessun voto

8
Recensione a cura di
Sergio 'Ermo' Rapetti
In vendita su EMP
Copertina
15.99 € / CD (Digipak, Ed. Limitata)
Copertina
9.99 € / CD
Copertina
Copertina
15.99 € / CD
Dello stesso genere
Copertina Frozen Eternity
Forgotten Past
(2006)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Cannabis Corpse
Beneath Grow Lights Thou Shalt Rise
(Tankcrimes / 2011)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Trepalium
XIII
(Season Of Mist / 2009)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina NoDrama
The Patient
(Coroner Records / 2012)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading