Copertina 8

Info

Genere:Death Metal
Anno di uscita:2017
Durata:38 min.
Etichetta:Napalm Records

Tracklist

  1. THE RISE OF HANNIBAL
  2. HISPANIA (THE SIEGE OF SAGUNTUM)
  3. CROSSING OF THE ALPS
  4. SUAVETAURILIA (INTERMEZZO)
  5. CATO MAJOR: CARTHAGO DELENDA EST!
  6. AD VICTORIAM (THE BATTLE OF ZAMA)
  7. THE SPOILS OF WAR
  8. THE ROMAN

Line up

  • Maurizio Iacono: vocals
  • Stéphane Barbe: guitars
  • Jean-Francois Dagenais: guitars
  • Dano Apekian: bass
  • Jonathan Leduc: keyboards
  • Max Duhamel: drums

Voto medio utenti

La Legione Romana di stanza in Canada si è rimessa in marcia.
Il passo dei legionari è martellante e la loro avanzata imponente e, ovviamente, marziale.

Non stupisce, infatti, che gli Ex Deo abbiano scelto questo immaginario per accompagnare le propria proposta musicale, fondamentalmente un Death Metal mai troppo esasperati e dai marcati toni epici tinteggiati da passaggi orchestrali che rendono il tutto più arioso e cinematografico, un po' alla maniera di quanto fatto, ad esempio, da Bal-Sagoth o Therion.
Certo, che uno dei fautori nell'intraprendere questo concept lirico e visuale abbia chiare origini italiane, ha avuto la sua importanza, e mi riferisco al ruolo svolto Maurizio Iacono, oramai da anni vocalist dei Kataklysm. Sono proprio questi ultimi a costituire l'ossatura degli Ex Deo, dove oltre a Iacono, ritroviamo il chitarrista Jean-François Dagenais, il bassista Stéphane Barbe (ma negli Ex Deo si propone alla chitarra) e il batterista Olivier Beaudoin (subentrato a Max Duhamel in entrambe le formazioni appena citate), tutti membri degli attuali Kataklysm, cui si aggiunge al basso Dano Apekian.

Qualche ordine impartito in maniera secca e autoritaria qua e là, suoni di combattimenti e squilli di tromba trionfali riescono a dare un tocco "beligerante" ai pezzi, senza risultare pacchiano o pretestuoso, come lasciano a intendere sin da subito l'epicheggiante opener "The Rise of Hannibal" e poi una frontale "Cato Major: Carthago Delenda Est!" o l'altrettanto devastante "Ad Victoriam (The Battle of Zama)", ma anche la conclusiva "The Roman", corale e anthemica, con tanto di passaggi declamati in italiano, lascia il segno.

Tutti quelli che aveano apprezzato i precedenti "Romulus" e "Caligula", non potranno sicuramente ignorare questo "The Immortal Wars", incentrato sulla Seconda Guerra Punica combattuta da Romani e Cartaginesi, e che mostra degli Ex Deo sempre più compatti, convinti e convincenti.
Se poi a scuola, avevate preso dei brutti voti nelle interrogazioni di Storia sulle (barbose) vicende dell'Antica Roma o in occasione delle (temute) verifiche di Latino, e preferite girarci al largo.. vi potrei pure capire.

Ma - e il sottoscritto non era certo un secchione - io la penso diversamente.




Metal.it
What else?
Recensione a cura di Sergio 'Ermo' Rapetti

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.