(Code666 Records)Dynfari - The Four Doors of the Mind

Copertina Per un motivo o per l'altro, gli islandesi Dynfari sono il classico gruppo del quale avevo sentito parlare più di una volta ma del quale non avevo mai avuto modo di ascoltare una sola nota.
Il nuovo album, sempre edito dalla nostra Code666, mi da, dunque, la possibilità di "conoscere" il quartetto di Reykjavík ed il suo black metal dal taglio atmosferico ed intimista sulla scia di gruppi quali Austere, Alcest o Woods of Desolation ma con un tocco personale al quale, certamente, contribuisce la provenienza dei nostri.
Come l'Islanda, i Dynfari sono una sorta di "mondo" chiuso, un universo all'interno del quale convivono realtà diverse e contrasti anche molto evidenti: la loro musica, infatti, alterna passaggi riflessivi, quasi timidi nel loro incedere, e di certo molto profondi, con sfuriate di gelido vento nordico quando la componente più propriamente nera del gruppo emerge poderosa, il tutto in omaggio al concept di un album che unisce le teorie dello scrittore Patrick Rothfuss sulla capacità della nostra mente di far fronte al dolore con le visioni, invece, dolorose, disperate, del poeta esistenzialista Jóhann Sigurjónsson.
La commistione tra musica e concept è, a mio avviso, fatta con classe: le due anime dell'album, quella sofferente e quella violenta, sono amalgamate bene e, sebbene il modo di intendere il black dei Dynfari non sia di certo una novità e sebbene le loro composizioni a volte risultano essere troppo lunghe, la loro musica riesce a raggiungere lo scopo di creare la giusta atmosfera e toccare le giuste corde dell'animo di chi ascolta.
Certamente "The Four Doors of the Mind" non è un album indicato per i puristi del black metal, anzi faccio fatica a considerarlo black metal, ma è di certo un lavoro ricco di fascino, evocativo, malinconico, quanto non addirittura disperato, e dal delizioso sapore post rock che saprà appassionare i più sognatori tra i nostri lettori a patto che questi ultimi abbiano la giusta dose di tempo da dedicare all'ascolto di questo lavoro.
Adesso vado ad ascoltarmi anche i lavori precedenti dei Dynfari anche per capire come mai i miei colleghi si siano espressi con votazioni molto diverse sul loro valore...

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Avatar Inserito il 19 aprile 2017 alle 05:49

In effetti, caro Beppe, il precedente mi aveva annoiato, ma siccome di te mi fido ciecamente una chance a questo nuovo album la concedo!

Leggi la discussione completa

Genere: Black Metal
Anno di uscita: 2017
Durata: 48 min.
Tracklist:

  1. THE FOUR DOORS OF THE MIND
  2. 1ST DOOR: SLEEP
  3. SORGAREFNI SEGI EG ÞÉR
  4. 2ND DOOR: FORGETTING
  5. SORG
  6. 3RD DOOR: MADNESS
  7. BIKARINN
  8. 4TH DOOR: DEATH

Line up:

  • Andri Björn Birgisson: bass
  • Hjálmar Gylfason: guitars
  • Jón Emil: percussion, guitars
  • Jóhann Örn: vocals, bass, guitars

Voto medio utenti: Nessun voto

7
Recensione a cura di
Beppe 'dopecity' Caldarone
In vendita su EMP
Copertina
27.99 € / 2-LP
Copertina
14.99 € / CD (Digipak)
Copertina
39.99 € / Felpa jogging (nero, 100% cotone)
Copertina
21.99 € / 2-CD & DVD
Dello stesso genere
Copertina Eclectika
Lure Of Ephemeral Beauty
(Asylum Ruins / 2012)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Ragnarok
Malediction
(Agonia Records / 2012)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Sacrilegious Impalement
Sacrilegious Impalement
(Blasphemous Underground Productions / 2007)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Hellsaw
Trist
(Napalm Records / 2012)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading