(Frontiers Music)Lionville - A World of Fools

Copertina C’era molta attesa attorno a questo terzo lavoro dei Lionville, indiscutibilmente uno dei capisaldi della “riscossa” del rock melodico italiano a livello internazionale.
Confermata la gestione microfonica a una sicurezza dell’arte fonatoria come Lars Säfsund (Work Of Art), il mastermind della band Stefano Lionetti per il suo debutto discografico con la Frontiers Music si affida a una nuova competente équipe esecutiva (Michele Cusato alla chitarra, Giulio Dagnino al basso e Martino Malacrida alla batteria) e si carica sulle spalle anche il “fardello” produttivo dell’opera, per un risultato finale che pur dimostrandosi sostanzialmente all’altezza dei suoi due straordinari predecessori, desta altresì qualche piccola perplessità.
Nulla di particolarmente “preoccupante”, in realtà, ma poiché dai “migliori ci si aspetta il meglio”, anche per la creatura artistica di Lionetti è giunto il momento, proprio come accade a tutti i notabili, di confrontarsi fatalmente con un (recente) passato capace di costituire una pietra di paragone davvero impegnativa.
E allora diciamo che "A world of fools” ci riconsegna un autentico talento della scrittura “adulta”, offre agli estimatori del genere un altro esemplare di spirito “radiofonico” sofisticato ed progredito e tuttavia, seppur sporadicamente, cede qualcosa sul piano della tensione emotiva.
Insomma, volendo semplificare parecchio la faccenda, scorrendo il programma del disco, a differenza di quanto accaduto nell’esordio e in “II”, è possibile stilare delle classifiche di merito, a dimostrazione che verosimilmente non tutto ha funzionato alla perfezione nella costruzione dell’albo.
Difficile identificare la causa precisa di tale situazione … forse un’eccessiva omogeneità delle strutture armoniche e nelle sfumature sonore o forse un pizzico di debilitazione interpretativa nell’ugola comunque sempre fascinosa di Säfsund, oppure magari, su tutto, gli effetti di un percorso evolutivo parzialmente incompiuto … la questione è che talvolta a brani di pregevole caratura sembra mancare quel “quid” decisivo che aveva strabiliato i sostenitori di Toto, Journey, Chicago, Blvd, Richard Marx e Giant.
Esaurito il ruolo del critico “zelante”, mi posso finalmente concentrare sui molteplici aspetti esaltanti che soddisfano il mio animo di (esigente, eh …) rockofilo e che fanno assorbire senza troppi patemi i momenti vagamente interlocutori … apre la dissertazione l’enorme impatto emotivo garantito da “I will wait”, esuberante concentrato di melodia, verve e sensibilità, seguita da “Bring me back our love”, da considerare una totale delizia per i sensi di tutti gli AOR-sters non affetti da otopatologie degenerative.
Si continua con il soffio vitale dei Toto che s’impossessa della title-track e di “Our good goodbye”, con l’emozione tangibile procurata dal romanticismo di “One more night” e con una frizzante “Livin' on the edge”, non lontana da certe cose dei Bad English.
Concludiamo l’elenco delle favorite con un attanagliante colpo da maestro di toccante ispirazione Winger-iana intitolato “Image of your soul”, ricordando doverosamente al lettore che anche le tracce non menzionate vantano comunque qualità importanti.
"A world of fools” rimane un prodotto ai vertici del genere, così come i Lionville continuano a essere una consolidata eccellenza, dotata di spiccata identità propria, di questa musica immarcescibile … recuperare il tenue barlume di brillantezza espressiva perduto, rappresenta però la “sfida” che li attende da qui al prossimo capitolo della loro prestigiosa parabola artistica.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Hard / Rock / AOR / Glam
Anno di uscita: 2017
Durata: 52 min.
Tracklist:

  1. I WILL WAIT
  2. SHOW ME THE LOVE
  3. BRING ME BACK OUR LOVE
  4. HEAVEN IS RIGHT HERE
  5. A WORLD OF FOOLS
  6. ONE MORE NIGHT
  7. ALL I WANT
  8. LIVIN' ON THE EDGE
  9. OUR GOOD GOODBYE
  10. PARADISE
  11. IMAGE OF YOUR SOUL

Line up:

  • Lars Säfsund: vocals
  • Stefano Lionetti: guitars, vocals, keyboards
  • Michele Cusato: guitars
  • Giulio Dagnino: bass
  • Martino Malacrida: drums

Voto medio utenti: Nessun voto

8,5
Recensione a cura di
Marco Aimasso
In vendita su EMP
Copertina
19.99 € / T-Shirt (nero, 100% cotone, con stampa)
Copertina
9.99 € / 2-CD (Ed. Limitata)
Copertina
9.99 € / 2-CD (Ed. Limitata)
Copertina
Dello stesso genere
Copertina Shy
Excess All Areas
(RCA Records / 1987)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Danger Danger
The Return of the Great Gildersleeves
(Low Dice / 2000)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Search, The
Staying Alive In A Country Industrialized
(2012)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Casino Steel
There’s a Tear In My Beer
(Wild Kingdom / 2007)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading