(Self-Produced)Damnation Plan - Reality Illusion

Copertina Death melodico? Mah. Progressive? Talvolta. Black sinfonico? Può capitare. Metalcore? Quanto basta. Alternative? Probabilmente sì.

Apprezzo sempre i gruppi coraggiosi che provano a cercare nuove contaminazioni e a far parte di quel calderone che alcuni chiamano “modern metal”, non sapendo più che aggettivo mettere davanti al nome del nostro genere preferito. I Damnation Plan, però, dal mio punto di vista sono a dir poco disorientanti.

Lungi da me voler “categorizzare” tutto, ma in un’epoca in cui i dischi non si vendono (ma paradossalmente ne escono sempre di più), i locali dove suonare chiudono o cambiano pelle (recente è la triste vicenda del Circolo Colony di Brescia), e la fruizione della musica è sempre più “liquida” (i supporti fisici, purtroppo, hanno i giorni contati), qual è lo scopo di questi 50 minuti di musica così variegata? Vi lascio con questa domanda, per la quale sicuramente esiste una risposta, ed entro nel merito…

L’introduttiva “Intro” è rocciosa, e sfocia in “Beyond These Walls”, un assalto frontale a cavallo tra prog e metalcore impreziosito da ottime tastiere in penombra e da un ritornello ultra-melodico. “Rulers Of Truth” è un’altra bordata dalle tinte orientali più vicina a sonorità heavy/power tradizionali, con un break in growl un po’ forzato che però lancia i bei soli della coppia Lauri/Niininen. I toni non si smorzano neanche con “Rise Of The Messenger”, che rimanda a una versione nordica e più melodica degli ultimi Periphery. La più lineare “Blinded Faith”, costruita su un solido riff da headbanging, prelude al breve interludio strumentale “The Empowerment”, cui attacca immediatamente “Maze Of Despair”, una specie di power-ballad dal piglio sinfonico. “Iron Curtain Falls” è “estrema con moderazione”, vicina al black sinfonico di Dimmu Borgir e Cradle Of Filth, in totale contrasto con la successiva title-track, ancora saldamente ancorata al metalcore dalle aperture melodiche. La narrata “A Chapter In Greed” anticipa l’ottima “The Final Destination”, brano lungo e sfaccettato, molto cinematografico e progressivo nelle intenzioni, ma anche indiscutibilmente grooveggiante. Giusto per stupire fino alla fine, la band in coda ci regala una discreta cover di “Don’t Talk To Strangers” dei Dio (?!?!).

Difficile sintetizzare quello che penso in un numero, com’è vero che quello che penso non è necessariamente giusto in assoluto. Per cui diamo "a Cesare quel che è di Cesare" e premiamo questo “Reality Illusion”, che non so immaginare che tipo di seguito possa avere ma che non ha certo paura di osare.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Alternative / Djent / Post Rock
Anno di uscita: 2017
Durata: 57 min.
Tracklist:

  1. INTRO
  2. BEYOND THESE WALLS
  3. RULERS OF TRUTH
  4. RISE OF THE MESSENGER
  5. BLINDED FAITH
  6. THE EMPOWERMENT
  7. MAZE OF DESPAIR
  8. IRON CURTAIN FALLS
  9. REALITY ILLUSION
  10. A CHAPTER IN GREED
  11. THE FINAL DESTINATION
  12. DON'T TALK TO STRANGERS (DIO COVER)

Line up:

  • Antti Lauri: guitars
  • Jarkko Lunnas: drums
  • Asim Searah: vocals
  • Tommy Tuovinen: vocals
  • Jukka Vehkamaa: bass
  • Kalle Niininen: guitars

Voto medio utenti: Nessun voto

6,5
Recensione a cura di
Gabriele Marangoni
In vendita su EMP
Copertina
30.99 € / 2-CD (Digipak, Ed. Limitata)
Copertina
Copertina
Copertina
12.99 € / CD
Dello stesso genere
Copertina Coheed And Cambria
The Afterman: Ascension
(earMusic/Edel / 2012)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Primal Rock Rebellion
Awoken Broken
(Spinefarm Records / 2012)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Fuoriluogo Demo
Disadattato
(2004)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Jordaan
An Drone Myda EP
(Self-Released / 2012)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading