(Metal Blade / Audioglobe)Evocation - The Shadow Archetype

Copertina "Ciò che non mi uccide mi fortifica".
Probabilmente il celeberrimo aforisma di Nietzsche racchiude meglio di tante parole la carriera ed il percorso artistico degli svedesi Evocation.
In attività dal 1991 hanno avuto numerose interruzioni nella loro storia e questo "The Shadow Archetype" esce dopo 5 anni dall'ultimo LP "Illusion of Grandeur", periodo nel quale il combo ha dovuto affrontare l'uscita dalla formazione dei fratelli Janne e Vesa Kenttäkumpu amici nonchè membri fondatori della band.
Per fortuna delle nostre orecchie Palmèn, Josefsson e Jorde hanno perseverato e, dopo aver reclutato l'ottimo chitarrista Simon Exner ed il session drummer Per Möller Jensen, hanno iniziato a lavorare sul loro 5° full length.
Ed il risultato è una vera bomba, un puro album di Swedish death metal sulla scorta dei maestri Unleashed che però incorpora groove e vibrazioni più moderne.
Intendiamoci, le concessioni alla melodia sono funzionali a dare pathos e drammaticità alle canzoni e non certo messe affinchè si abbia un suono troppo catchy o radio oriented.
"Into ruins", l'intro strumentale, predispone e sintonizza l'ascoltatore sul mood che gli Evocation vogliono mostrare ed infatti "Condemned to the grave" aggredisce i timpani con i suoi riffs micidiali fatti apposta per un headbanging furioso.
"Modus operandi" combina perfettamente thrash e death ed offre una struttura molto dinamica ed un'atmosfera caotica ben sottolineata dal growling profondo di Thomas Josefsson.
Si susseguono poi "Children of stone" con il suo incedere iniziale lento e cadenzato ma non per questo meno violento, "The coroner" una song fatta appositamente per essere un must in sede live e la title track "The Shadow Archetype" che regala accenni di suono quasi industrial.
A questo punto gli Evocation con l'acustica "Blind Obedience" permettono di tirare il fiato e fare un lungo respiro prima di immergersi nel micidiale quartetto finale ben introdotto dalla bellissima "Survival of the sickest" (la mia traccia preferita), un pugno di ferro avvolto in melodie di velluto.
"Sulphur and blood" spiega meglio di tante parole come la fusione tra death metal old e new school sia riuscita alla perfezione al quintetto scandinavo, così come la micidiale muraglia sonora di "Imperium fall".
Chiude il disco l'epica "Dark day Sunrise", un mid tempo cupo e disperato, con un bridge ed un refrain che penetrano quasi fisicamente nel cervello.
Un album veramente ben fatto, ben prodotto, con un mixaggio di suoni esemplare che però non sconfina mai nel troppo pulito che sovente rende artificiale e impersonale un disco. Gli Evocation regalano ispirazione e sudore con questo "The Shadow Archetype", un disco che ogni amante di questo genere di death dovrebbe ascoltare almeno una volta.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Death Metal
Anno di uscita: 2017
Durata: 38 min.
Tracklist:

  1. INTO RUINS
  2. CONDEMNED TO THE GRAVE
  3. MODUS OPERANDI
  4. CHILDREN OF STONE
  5. THE CORONER
  6. THE SHADOW ARCHETYPE
  7. BLIND OBEDIENCE
  8. SURVIVAL OF THE SICKEST
  9. SULPHUR AND BLOOD
  10. IMPERIUM FALL
  11. DARK DAY SUNRISE

Line up:

  • Thomas Josefsson: vocals
  • Marko Palmén: guitar
  • Simon Exner: guitar
  • Gustaf Jorde: bass
  • Per Möller Jensen: drums

Voto medio utenti: Nessun voto

7,5
Recensione a cura di
Alessandro Zaina
In vendita su EMP
Copertina
Copertina
15.99 € / CD (Digipak, Ed. Limitata)
Copertina
15.99 € / LP & Poster (Ed. Limitata)
Copertina
Dello stesso genere
Copertina Dark Tranquillity Demo
Trail Of Life Decayed
(Autoprodotto / 1991)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Nachtschatten
Prolog
(Sonic Revolution / 2015)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Behemoth
Evangelion
(Nuclear Blast / 2009)
Voto: 5,0
1 opinione
Copertina Asphyx
Deathhammer
(Century Media Records / 2012)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading