Copertina 8

Info

Genere:Gothic Metal
Anno di uscita:2016
Durata:46 min.
Etichetta:SPV
Distribuzione:Audioglobe

Tracklist

  1. THE WORSHIP OF COUNTING DOWN
  2. MY HALO GROUND
  3. HOPE IS HERE
  4. ARAMIS
  5. A MILLION MILES
  6. NO MAN'S LAND
  7. PAGEANT
  8. YOU, MY NORTH
  9. AWAKE
  10. THE PATH OF BROKEN HOMES
  11. TIMBRE
  12. BLACK MOON

Line up

  • Rob Vitacca: vocals
  • Oliver Nikolas Schmid: guitars
  • Tony Berger: guitars
  • Domonik Sholtz: drums

Voto medio utenti

L’undicesimo disco dei Lacrimas Profundere, “Hope Is Here”, è anche il primo concept album cui la band si cimenta, trattando la storia di Aramis, un ragazzo fuori dal comune, ma siccome non allegano i testi alla cartella mp3, né è possibile saperne oltre sui canali ufficiali, non sapremo mai quale sia la particolarità di Aramis. Magari ha poteri paranormali, forse è il figlio del demonio, addirittura potrebbe avercelo più grosso di Rocco Siffredi.
Più in generale, rispetto al precedente “Antiadore”, il disco è meno radio-friendly, più gothic-oriented, con un mood crepuscolare che ha forti richiami alla dark wave anni ’80.
Ciò almeno per le prime quattro tracce, compresa la splendida title-track, perché con “A Million Miles” fanno la comparsa dei chitarroni ribassati e un andamento più veloce, e lo stesso dicasi per la successiva “No Man’s Land”.
La band ha un buon gusto melodico, che farà piacere agli amanti della musica emozionale.
Certo, l’eccessiva durata del disco, il tono quasi sempre uguale a se stesso del singer Rob Vitacca, possono portare a noia episodica, ma alcune atmosfere sono assolutamente una novità per la band e possono addirittura portare fuori asse. È il caso delle atmosfere di “Pageant” che sembrano quasi uscire da un film hardboiled, un pezzo che mostra una classe inaspettata per i tedeschi.
Timbre” unisce atmosfere fuori dal tempo con chitarre ruvide, la conclusiva “Black Moon” è un pezzo acustico, ricco di pathos, che potrebbe essere stato scritto da Jerry Cantrell (!).
Non vorrei esagerare con i panegirici, ma i Lacrimas Profundere sembrano aver azzeccato il disco della vita. Sia chiaro, nulla di trascendentale, ma sicuramente un disco ricco di emozioni, struggente, di classe, variegato, sentito.
Peccato che ignoreremo per sempre le qualità nascoste di Aramis, ma magari i Lacrimas Profundere ce lo diranno nel prossimo disco che, a questo punto, non vedo l’ora di ascoltare.
Recensione a cura di Luigi 'Gino' Schettino

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Inserito il 27 ago 2016 alle 00:31

a mio avviso questo è proprio un top album...disco molto molto bello!

Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.