Copertina 7,5

Info

Genere:Gothic Metal
Anno di uscita:2016
Durata:48 min.
Etichetta:Prohecy productions
Distribuzione:Audioglobe

Tracklist

  1. SPIRITS OF THE DEAD
  2. FROM WOLF TO PEACOCK
  3. THE KINDRED OF THE SUNSET
  4. INTO THE UNKNOWN
  5. ANCIENT HEART
  6. THE WHINE OF THE CEMETERY HOUND
  7. HOW DEEP LIES TARTAROS?
  8. WHO MAY OPPOSE ME?
  9. THE FRAGRANCY OF SOIL UNEARTHED

Line up

  • Allen B. Konstanz: vocals, drums & keyboards
  • Ulf Theodor Schwadorf: guitars, bass & keyboards

Voto medio utenti

The Unknown” è stato anticipato, un paio di mesi fa, dall’Ep “The Kindred Of The Sunset”, il quale lasciava ben sperare, data la qualità decisamente elevata dei due pezzi qui riproposti, e mi riferisco a “The Kindred Of The Sunset” e “The Whine Of The Cemetery Hound”, le quali ci offrivano due spaccati diversi del sound dei The Vision Bleak, sia quello più propriamente horror/punk sia quello più gothic/doom.
Le premesse vengono confermate e se “From Wolf To Peacock” rappresenta l’anima più veloce e metallica della band, “Into The Unknown” riprende il mood più macabro e decadente, mentre “Ancient Heart” ha accenni folk ben inseriti in un contesto quasi teatrale.
How Deep Lies Tartaros?” e “The Fragrancy Of Soil Unearthed” rappresentano l’anima più dura e metallica del duo tedesco, soprattutto la prima che ha echi death/black.
Chi conosce già i The Vision Bleak non avrà bisogno delle mie parole e comprerà questo disco a scatola chiusa. Chi invece non li conosce farebbe bene a osare, scoprirà una band valida e ricca di influenze, capace di esplorare e fondere diversi generi in un sound che forse non sarà originale al 100% ma sicuramente è ricco di fascino e ben congegnato.
Recensione a cura di Luigi 'Gino' Schettino

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.