(Czar Of Crickets)Leaving, The - Faces

Copertina Non sono un grande sostenitore degli “spin-off” acustici. Ne ricordo giusto una manciata meritevoli di attenzione (su tutti “12:5” dei Pain of Salvation, “Damnation” degli Opeth e “The Acoustic Verses” dei Green Carnation). La motivazione è presto detta: gli ingredienti a disposizione sono per definizione talmente pochi che o le composizioni sono tanto forti in partenza da “brillare di luce propria” a prescindere dall’arrangiamento (è il motivo per cui una canzone molto elaborata come può essere “Something” dei Beatles funziona perfettamente anche se suonata dal solo George Harrison alla chitarra) o il rischio di risultare ripetitivi e monotoni può minare seriamente la validità del proposito. Questo “Faces” sta un po’ nel mezzo: ha dalla sua alcuni “assi” non trascurabili (su tutti la voce di Frederyk Rotter, cantante della formazione noise-doom Zatokrev, capace di rievocare timbriche che vanno dal cantautorato puro di Cat Stevens all’immaginario del “tino di whiskey/affumicatoio” di Tom Waits) ma anche una tavolozza limitata di colori (chitarre acustiche, archi, percussioni appena accennate e semplici armonizzazioni vocali) che, gira e rigira, alla lunga possono annoiare. Dominano, com’è lecito aspettarsi, i toni pacati (è il caso della titletrack, di “Haze” e “Shades”) ma non manca qualche minima apertura all’elettricità di matrice doom (“Hands”) o alle influenze più noise (il drone di “Mountain”). Chiude coerentemente il lavoro la traccia più elaborata del lotto, “Pulse”, dove c’è spazio per l’intera “tavolozza” di cui sopra, con un minuto finale che risulta essere l’apice dinamico dell’intero album. Il futuro del progetto The Leaving è ovviamente nelle mani del mastermind svizzero: gli auguro di riuscire a trovare quel “quid” che possa giustificare l’interesse verso nuove uscite.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Folk / Ambient
Anno di uscita: 2016
Durata: 48 min.
Tracklist:

  1. FACES
  2. HAZE
  3. HURTMACHINE
  4. DRUG
  5. FIRE
  6. TRAILS
  7. HANDS
  8. SHADES
  9. MOUNTAIN
  10. PULSE

Line up:

  • Frederyk Rotter: all instruments

Voto medio utenti: Nessun voto

6,5
Recensione a cura di
Gabriele Marangoni
In vendita su EMP
Copertina
Copertina
15.99 € / T-Shirt (nero, 100% cotone)
Copertina
22.99 € / LP (Ed. Limitata, Picture)
Copertina
Dello stesso genere
Copertina L'Effet C'Est Moi
Genius Loci
(Skulline / 2011)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Sol Invictus
The Devil's Steed
(Dark Vinyl Records / 2005)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Wolves in the Throne Room
Celestite
(Artemisia Records / 2014)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina If These Trees Could Talk
Above the Earth, Below the Sky (Reissue)
(Metal Blade Records / 2015)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading