(Jolly Roger Records / Goodfellas)Graal - Chapter IV

Copertina Provo grande simpatia e stima per Andrea Ciccomartino.
Agitatore e profondo conoscitore della “scena” italiana (quella romana, in particolare, tanto da descriverne le gesta in un ottimo libro intitolato “Anni di Metallo”), il nostro è uno di quelli che non ha mai smesso di “crederci”, impegnandosi in svariati campi della “cultura metallica”, sostenuto da una notevole preparazione ed evitando di affidarsi a futili esibizionismi.
Come musicista, sono ormai due lustri abbondanti che, al timone dei Graal, Andrea esprime tutta la sua passione per l’hard-prog settantiano, mescolando con gusto suggestioni di Deep Purple, Jethro Tull, Genesis, Kansas, Magnum e Uriah Heep (a cui si aggiunge la cult band Ashbury ...), e anche il nuovo “Chapter IV”, primo frutto della collaborazione con la Jolly Roger Records, non fa che suffragare un percorso artistico ricco di raffinatezza, intensità e forza evocativa.
Pur nella continuità, l’albo appare forse leggermente più “diretto” dei suoi predecessori, e tale risultato potrebbe contribuire ad aumentare la visibilità di un gruppo che probabilmente non ha ancora ottenuto quanto realmente merita.
E allora, cari estimatori di suoni “classici” e sofisticati, e non per questo oltremodo prevedibili e manieristici, non vi resta che impossessarvi quanto prima di questi suggestiva dozzina di frammenti sonori pieni di poesia, tensione espressiva e ispirazione, offerti da un manipolo di eccellenti discepoli (plauso particolare alla spiccata sensibilità esecutiva di Danilo Petrelli) dei succitati numi tutelari, dai quali hanno mutuato ben di più che una semplice disciplina tecnica.
Impossibile, infatti, non rimanere immediatamente affascinati da “Little song” (tre minuti scarsi di pura leggiadria acustica), “Pick up all the faults” (un gioiellino di superbe trame armoniche), “Guardian devil” (un pomp-rock epico di rara attrattiva), “Lesser man” (spettacolare nella sua enfasi a tratti quasi Warlord-iana), “Last hold” (emozionante incontro tra Antica Inghilterra e Oriente) e "Goodbye” (melodramma Floyd-esco da brividi), apici di un programma integralmente coinvolgente e appassionante, edificato su tanta competenza specifica e su una cosa che si chiama “attitudine”, enigmatica magari e spesso citata a sproposito, eppure così essenziale e facilmente riconoscibile quando le dosi sono tanto imponenti da non poterle proprio ignorare.
“Accumulatori di dischi” impegnati alla lettura, “Chapter IV” è assolutamente degno delle vostre preziose collezioni e il suo ascolto v’infonderà entusiasmo e perfino commozione … le medesime sensazioni che i maestri del genere sanno garantire così diffusamente … non è una cosa da poco.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Hard / Rock / AOR / Glam
Anno di uscita: 2015
Durata: 60 min.
Tracklist:

  1. LITTLE SONG
  2. PICK UP ALL THE FAULTS
  3. SHADOWPLAY
  4. REVENGE
  5. THE DAY THAT NEVER ENDED
  6. STRONGER
  7. GUARDIAN DEVIL
  8. LESSER MAN
  9. LAST HOLD
  10. GOODBYE
  11. A POETRY FOR A SILENT MAN
  12. NORTHERN CLIFF

Line up:

  • Andrea Ciccomartino: vocals, guitars
  • Francesco Zagarese: guitar
  • Michele Raspanti: bass
  • Danilo Petrelli: keyboards
  • Alex Giuliani: drums

Voto medio utenti: Nessun voto

7,5
Recensione a cura di
Marco Aimasso
In vendita su EMP
Copertina
14.99 € / CD
Copertina
10.99 € / EP-CD
Copertina
4.99 € / 7"-EP
Copertina
Dello stesso genere
Copertina En Declin
Domino/Consequence
(My Kingdom Music / 2009)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Spitefuel
Sleeping With Wolves EP
(MDD Records / 2016)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Rob Lamothe Craig Erickson
Rob Lamothe Craig Erickson
(Provogue / 2003)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina ZZ Top
Recycler
(Warner Bros. / 1990)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading