(Candlelight Records)Shores of Null - Quiescence

Copertina Ma chi se ne impipa se gli Opeth hanno imboccato un percorso evolutivo a vicolo cieco che, in un futuro più o meno prossimo, non potrà che condurre a un’imbarazzante retromarcia e all’inevitabile ritorno alle origini (in barba alle spocchiose dichiarazioni del leader Mikael Akerfeldt)?
Noi abbiamo gli Shores of Null, che per di più sono anche italianissimi!

Ok, forse mi sono lasciato trasportare; d’altra parte, gioisco non poco per essermi imbattuto in una nuova realtà capace di creare un magistrale ibrido gothic/death/prog/doom che, oltre al gruppo succitato, rielabora (senza scopiazzare) le lezioni di Swallow The Sun, Hanging Garden, Paradise Lost, Insomnium, My Dying Bride… e Alice In Chains (ebbene sì: nelle pieghe delle composizioni si possono rinvenire numerosi spunti di matrice grunge).

Il songwriting, come si potrà intuire, privilegia tempi medi ed atmosfere cupe, autunnali, tinte di malinconia. Ciò non tragga in inganno: gli Shoress of Null sanno essere a volte irruenti, altre solenni, altre ancora contemplativi: tristezza e rabbia s’incontrano, forgiando un sound ad alto tasso emotivo che sa ammaliare l’ascoltatore con trame articolate e spinte melodiche (soprattutto in occasione dei chorus) mai ruffiane.
Quiescence, per di più, si presenta come un lavoro curato in ogni dettaglio: gli arrangiamenti certosini, la produzione di alto livello, le ragguardevoli prestazioni strumentali (un plauso particolare al drumming di Emiliano Cantiano), e la grande prova di Davide Straccione dietro al microfono donano al platter una marcia in più.

Mi sento in dovere di spendere due righe per l’operato del singer: oltre a un ottimo growling, profondo e pieno, il nostro sfoggia una padronanza tecnica, un’espressività e una timbrica da brividi sulle parti pulite. Fatte le debite proporzioni, parliamo di una vocalità in bilico tra Vortex, Layne Staley, Paul Kuhr, Vintersorg e Myles Kennedy: tanta roba, come dicono i giovincelli.
Peraltro, credo di non esser stato il solo ad accorgersi delle doti canore fuori dal comune di Davide: infatti, sia la posizione di prominenza assunta nel mixing che i numerosi accorgimenti adottati (echi, riverberi, voci doppiate etc.) confermano la centralità delle vocals nel progetto Shores of Null.
Niente da dire, se non “complimenti”.

E complimenti a tutta la band per aver dato vita a piccole gemme quali Kings Of Null e Night Will Come, che esplorano con profitto il lato più aggressivo del combo e promettono sfracelli in sede live, la strepitosa Ruins Alive, in cui passaggi al limite del black si stemperano in un ritornello-tormentone degno dei migliori Amorphis, o l’epicheggiante Quiescent, per la quale è stato realizzato un suggestivo videoclip.

Una porzione conclusiva leggermente affaticata m’impedisce di assegnare votazioni ancor più elevate; d’altro canto, credo che il mio sincero apprezzamento per questo lavoro sia evidente. Proprio per tale motivo, trovo superfluo imbastire il solito pistolotto su quanto sia importante supportare le piccole realtà underground a scapito dei soliti grandi nomi, sul dovere morale di valorizzare i gruppi nostrani che incombe sul buon metallaro italico bla bla bla.
La realtà è che acquistando Quiescence non farete un favore agli Shores of Null, alla Candlelight o alla (ahimè disastrata) scena tricolore: lo farete prima di tutto a voi stessi.


Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Avatar Inserito il 24 marzo 2014 alle 00:21

Caro Cafo, mi hai incuriosito.

Leggi la discussione completa

Genere: Gothic Metal
Anno di uscita: 2014
Durata: 46 min.
Tracklist:

  1. 0X0000
  2. KINGS OF NULL
  3. SOULS OF THE ABYSS
  4. NIGHT WILL COME
  5. RUINS ALIVE
  6. QUIESCENT
  7. THE HEAP OF MEANING
  8. TIME IS A WASTE LAND
  9. PAIN MASQUERADE
  10. EUDAEMONIA

Line up:

  • Davide Straccione: vocals, lyrics
  • Gabriele Giaccari: guitars and back vocals
  • Raffaele Colace: guitars and back growls
  • Matteo Capozucca: bass
  • Emiliano Cantiano: drums

Voto medio utenti: Nessun voto

8
Recensione a cura di
Marco Cafo Caforio
In vendita su EMP
Copertina
Copertina
99.99 € / 5-LP Box
Copertina
9.99 € / 2-CD (Ed. Limitata)
Copertina
15.99 € / LP (Ristampa)
Dello stesso genere
Copertina Sirenia
Nine Destinies and a Downfall
(Nuclear Blast / 2007)
1 opinione
Copertina Hanging Garden
Inherit the Eden
(Spikefarm Records / 2007)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Tragodia
The Promethean Legacy
(Dark Balance Records / 2007)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Divercia
Modus Operandi
(Hammerheart / 2002)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading