Copertina 6,5

Info

Dvd
Genere:Gothic Metal
Anno di uscita:2012
Durata:non disponibile
Etichetta:Aural Music

Tracklist

  1. DVD:
  2. MY WINTER STORM (CULT OF LAMIA PART I)
  3. THE LOST GRACE (CULT OF LAMIA PART II)
  4. APART (CULT OF LAMIA PART III)
  5. KEEPER OF SECRETS (LIVE)
  6. BRING ME BACK (LIVE)
  7. LILITH MATER INFERORUM (LIVE)
  8. ANGEL OF LUST (LIVE)
  9. SANGUE (LIVE)
  10. LE GRAND GUIGNOL (LIVE)
  11. UNSPOKEN WORDS (LIVE)
  12. CARMILLA (LIVE)
  13. BLOOD ADDICTION (LIVE)
  14. LA DANSE MACABRE DU VAMPIRE (LIVE)
  15. KAIN (LIVE)
  16. CD:
  17. KEEPER OF SECRETS
  18. BRING ME BACK
  19. LILITH MATER INFERORUM
  20. ANGEL OF LUST
  21. SANGUE
  22. LE GRAND GUIGNOL
  23. WHEREVER YOU ARE
  24. UNSPOKEN WORDS
  25. RAIN (THE CULT COVER)
  26. DRACULA THEME
  27. CARMILLA
  28. MEDOUSA
  29. BLOOD ADDICTION
  30. THE GATES OF HADES
  31. LA DANSE MACABRE DU VAMPIRE
  32. KAIN
  33. PLEASURE AND PAIN

Line up

  • Sonya Scarlet: vocals
  • Stephan Benfante: guitars
  • Zimon Lijoi: bass
  • Fabian Varesi: keyboards
  • Gabriel Valerio: drums

Voto medio utenti

Dopo l’ottimo Moonlight waltz, e a quasi vent’anni dalla nascita, era prevedibile che i Theatres Des Vampires dessero alle stampe un nuovo live DVD, vista anche la trionfante tournee europea dello scorso anno. Ed è proprio durante questo tour che la band ha registrato tutto il materiale che va ad occupare quest’opera molto imponente. Oltre al DVD live, infatti, nell’hardcover book box è presente un secondo dischetto ottico, contenente una registrazione audio (le tracklist differiscono leggermente tra DVD e CD), e “Cult of lamia EP”, cioè tre brani inediti (posti in apertura) che andranno a finire sul film “Cult of Lamia”, che vedrà protagonista la stessa Sonya Scarlet. Insomma, di carne a cuocere ce n’è davvero molta, la Aural Music non ha badato a spese per questa release, inserendo anche un booklet di 40 pagine e il trailer del film in questione. Tutto questo, purtroppo, posso soltanto dedurlo dalle note biografiche di accompagnamento che l’etichetta ci ha inviato per la recensione, visto che, da quando le case discografiche hanno iniziato ad inviare solamente i file mp3, a noi poveri scribacchini non arrivano più i DVD. Quello che, quindi, doveva essere il piatto forte di questa recensione, resterà un’incognita, e dovrete accontentarvi della mia opinione sull’audio del DVD (sì, hanno mandato solo quello, neanche il CD allegato). Dal punto di vista prettamente musicale, posso dirvi che i tre brani inediti hanno effettivamente un sapore decisamente cinematografico, muovendosi lungo sinuose melodie gothic, con Sonya che ammalia grazie alla sua voce sensuale. Tutte e tre le songs si snodano lente e cadenzate, non v’è traccia di reminescenze black metal, solo tanta tastiera, la voce suadente di Sonya, e melodie decadenti. Nulla che faccia gridare al miracolo, ma per una soundtrack direi che ci siamo… Un’intro tratta dal “Requiem” di Mozart, invece, introduce il live in questione, aperto da “Keeper of secrets”, e sinceramente la prima impressione non è stata delle migliori, anzi, diciamo pure le cose come stanno, sono rimasto pesantemente deluso… Se infatti dal punto di vista della scaletta e dell’esecuzione non c’è nulla da dire, qualche remora relativa al sound ce l’ho eccome… Vista la pomposità con la quale è stata presentata l’opera, mi aspettavo molto di più. Sembra, invece, di avere a che fare con un bootleg di buona qualità piuttosto che con un live album ufficiale, e qui il dubbio: non è che l’etichetta ha puntato così tanto sul package per creare un escamotage per sopperire alla qualità audio del prodotto, una sorta di contentino per chi caccerà i soldi per acquistare il DVD? Suoni un po’ ovattati, non eccessivamente potenti, e leggermente confusi ci accompagneranno durante tutto l’ascolto, lasciandoci, alla fine, con un bel po’ di amaro in bocca… A questo punto un’altra domanda è lecita: i Theatres Des Vampires di strada ne hanno fatta veramente tanta, sudata e anche meritata. Perché mandare tutto alle ortiche con un prodotto mediocre? Se si vuole fare il vero salto di qualità per arrivare ai vertici della scena gothic internazionale, secondo me cadute di stile di questo tipo sono assolutamente da evitare. Mi spiace, ma mi sento in dovere di mettere in guardia gli ipotetici acquirenti, visto che di questi tempi non fa certo piacere buttare i propri soldi alle ortiche. Un’occasione davvero sprecata… Il voto finale è di stima...
Recensione a cura di Roberto Alfieri

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.