Copertina 8

Info

Genere:Gothic Metal
Anno di uscita:2009
Durata:53 min.
Etichetta:Frontiers Music
Distribuzione:Frontiers

Tracklist

  1. NO EVIL
  2. FOLLOW THE RAIN
  3. BLEED ME DRY
  4. CHEMICAL ATTRACTION
  5. KISS OF DEATH
  6. ONE BULLET
  7. TONIGHT
  8. STORMS OF THE SEA
  9. DESTINY
  10. REVOLUTION
  11. VALERIE
  12. DEATH OF A MOVIE STAR

Line up

  • Angelica Rylin: vocals
  • Daniel Palmqvist: guitars
  • Johan Niemann: bass
  • Andreas Lindahl: keyboards
  • Daniel Flores: drums

Voto medio utenti

Nuova band all'orizzonte, e tutti gli amanti dei metal acts con voce femminile si preparino: la novità è succosa, interessante, e si chiama The Murder of my Sweet.

Nati da una costola dei Mind's Eye, questa band svedese si avvale della voce della bella e bravissima Angelica, che, piuttosto che prediligere modalità canore da simil-soprano (alla Simone Simons, per intenderci), sceglie un cantato convinto, potente ma dalle belle sfumature, mi ricorda molto Charlotte dei Delain, altra band da tenere sott'occhio.

La proposta sonora degli svedesi si attesta su un heavy metal venato di power e sinfonia, con grandi cori e ritornelli indelebili, che hanno il potere di conficcarsi nella vostra mente al primo ascolto. Band ed album dalle potenzialità commerciali davvero sterminate, i nostri hanno tutto quello che serve per fare il grande salto. L'opener "No Evil" è uno dei pezzi più belli del lotto, seguito da degni compari del calibro di "Bleed me Dry" ( a mio avviso una vera perla), "One Bullet" o la dolce e struggente "Valerie": canzoni che ti colpiscono per potenza, ottima produzione ed un uso della voce mai protagonista o fine a se stesso, ma sempre al servizio del brano. Molto, ma mooolto melodici e commerciali, ciò nonostante i Murder of my Sweet hanno dalla loro una buona dose di metal, che rende i brani potenti e carichissimi, seppur fruibili in maniera immediata da una vastissima gamma di ascoltatori. Un pò gothic, insomma, un po’ symphonic, un po’ pop, molto metal, per una miscela sonora davvero convincente. Questo album potrebbe essere la colonna sonora di uno di quei film per signorine tanto di moda di questi tempi, alla Twilight, per intenderci. Chiude questo primo, convincente album, una canzone davvero fuori schema: trattasi di "Death of a Movie Star", sorta di mini-suite in 7 minuti e passa da pelle d'oca, in cui viene narrata la morte misteriosa di un'attrice, con delle atmosfere e degli arrangiamenti orchestrali e cinematografici da applausi, in un susseguirsi di colpi di scena, sia nella trama che nell'ordito di questo stupendo brano.

La nostrana Frontiers espande i suoi orizzonti musicali, puntando decisamente a diventare un colosso in ambito internazionale, ed i Murder of My Sweet potrebbero, in brevissimo tempo, divenire una macchina sputa-soldi. Staremo a vedere. Per adesso, promossi a pieni voti.

Recensione a cura di Pippo 'Sbranf' Marino

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Inserito il 18 dic 2009 alle 07:56

bravi e poi lei è un gran bel pezzo di figliola

Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.